Aspettando il Salone: incontri e dialoghi con scrittori da tutto il mondo

Settembre, andiamo, è tempo di migrare. Mi torna sempre in mente questo magnifico verso di Gabriele D'Annunzio, quando penso all'autunno ormai imminente, che apre orizzonti e pagine nuove. A Torino, l'autunno porta sempre tante novità, alcune le racconterò nei prossimi giorni, mi sembra giusto iniziare, rimanendo in letteratura, con questa bella iniziativa della Fondazione Circolo dei Lettori e dell'Associazione Torino Città del Libro, che insieme organizzano il Salone Internazionale del Libro di Torino. Aspettando il Salone è un ricco calendario di incontri con scrittori noti e meno noti che accompagnerà dall'autunno fino al Salone (14-18 maggio 2020). Sarà "un confronto libero e aperto con il pubblico dei lettori. Ideato come un festival culturale, lungo mesi invece di giorni, la rassegna sarà l’occasione per incontrare autori cult, vere leggende della letteratura contemporanea e mostri sacri, ma anche per fare nuove scoperte letterarie. Il meglio della nuova stagione editoriale, italiana e internazionale, arriverà nella città del libro, aspettando maggio" sintetizza il comunicato stampa.


Si inizia subito, il 10 settembre 2019, incontrando Jonathan Safran Foer nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale (via Giuseppe Verdi 9) alle ore 18; Possiamo salvare il mondo prima di cena (Guanda), "riflessione su tutti quei gesti individuali che possono avere un impatto significativo sulla crisi del pianeta", è al centro del dialogo dello scrittore americano con Paolo Giordano. L'11 settembre, sempre alle ore 18, ma al Circolo dei Lettori (via Bogino 9), Salvatore Scibona discuterà con Fabio Geda: Il volontario è il libro di cui parleranno. Il 18 settembre, alle ore 18, nella Biblioteca Civica Centrale (via della Cittadella 5), la messicana Valeria Luiselli, considerata dalla lista Bogotà39 uno dei 39 migliori autori latinoamericani under 40, presenterà Archivio dei bambini perduti, un "intreccio di voci, suoni e immagini, che racconta di una famiglia che si confronta oggi con il senso della giustizia e dell'uguaglianza". Il 23 settembre, ancora un autore messicano, il 35enne Daniel Saldaña París, anche lui nella lista Bogotà39: alle ore 18, al Circolo dei Lettori, porterà La linea madre, il suo nuovo libro, "che dimostra come una singola famiglia e una sola infanzia, proiettate sullo sfondo della storia, possano rivelare il cuore nascosto di una nazione". Il 25 settembre, l'ultimo incontro del mese, con David Nicholls, alle ore 21 alla Scuola Holden: Un dolore così dolce è il titolo del suo nuovo libro, cita un verso di Romeo e Giulietta e racconta "il brivido del primo amore e la potenza dell'amicizia".

A ottobre arriveranno grandi scrittori della letteratura statunitense, latinoamericana, ebraica. Saranno ad Aspettando il Salone Bret Easton Ellis (21 ottobre 2019), Eshkol Nevo (22 ottobre 2019), Samanta Schweblin (23 ottobre 2019), Isabel Allende (25 ottobre 2019). Novembre porterà Leiji Matsumoto (17 novembre 2019), Amitav Ghosh (18 novembre 2019), André Aciman (18 novembre 2019), David Grossman (19 novembre 2019).

Appuntamenti con scrittori di grande prestigio, che aprono orizzonti nuovi, un po' come fa sempre l'autunno, dopo le vacanze.


Commenti