Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Visita a Villa della Regina con il turismo partecipativo di Guido Tour Sharing

C'è un nuovo modo di visitare una città: con Guido Tour Sharing e il suo sito web, IloveGuido.com, dove si sceglie il tour che interessa, con una guida esperta e competente, e più sono i partecipanti meno si paga, dato che il prezzo totale viene condiviso da un numero maggiore di persone. È un'idea che arriva direttamente dalla sharing economy: "La formula del turismo collaborativo concede l'opportunità di poterlo fare non solo risparmiando, ma anche avendo l'opportunità di conoscere nuove persone e condividere un'esperienza turistica unica" sottolinea il comunicato stampa. Non solo: questa community innovativa, che organizza tour in tante città italiane, Torino compresa, è presente anche nei social e per settembre ha organizzato quattro tour con un hashtag, #guidohistorylover, per condividere le foto scattate.


Torino partecipa a questo innovativo modo di guardare al turismo con la guida Francesca Stagni, tra i fondatori delle preziose Guide Bogianen, che il 21 settembre, alle ore 15.40 condurrà i partecipanti alla scoperta di Villa della Regina. La chiave di lettura offerta dalla guida è legata alla forte presenza delle donne, regine e principesse, nella storia di questa residenza sabauda, la più panoramica di Torino, anche lei Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO, insieme al sistema di Residenze Reali tra Torino e i suoi dintorni. I turisti potranno così godersi una visita guidata nelle sale barocche della villa e nei suoi giardini, scoprendo non solo il magnifico panorama sulla città e le illusioni ottiche delle linee dei padiglioni juvarriani, ma anche il vigneto urbano, uno dei primi in Europa, con quelli di Schoenbrunn, a Vienna, e di Montmartre, a Parigi, il gabinetto cinese, uno dei meglio conservati in città, e le storie di donne, regine e principesse, che hanno amato questo gioiello d'architettura, sulle prime pendici della collina torinese.

Per partecipare alla visita, la prenotazione è su www.iloveguido.it, e ricordate: più si è, meno si paga!


Commenti