I colori e i profumi di Flor ai Giardini Reali. E anche la mostra i Fiori del Re

Dopo aver sperimentato con successo igiardini della Palazzina di Caccia di Stupinigi per l'edizione autunnale, Flor sbarca per la bella stagione nei Giardini Reali. Dal 27 al 29 maggio 2022, dalle ore 9 alle 20, oltre 100 florovivaisti provenienti da tutt'Italia presenteranno le loro proposte per l'estate in arrivo, affiancati da artigiani, ceramisti e agricoltori che aiuteranno ad abbellire giardini e balconi con elementi d'arredo, consigli e nuove idee. Tra i florovivaisti presenti, anche rappresentanti da Slovenia e Olanda, a dare un tocco internazionale a una manifestazione che si arricchisce a ogni edizione. "Infinite varietà di rose, orchidee, iris, ortensie, arbusti da fiore, piante aromatiche e da frutto. Ma anche piante succulente e carnivore, orchidee, tillandsie, piante acquatiche, rampicanti e tropicali, da secco e da sole intenso, da ombra, bonsai, fioriture annuali, bulbose e graminacee" elenca il comunicato stampa tra le proposte che si tro

Il Festival delle Migrazioni: spettacoli, arte e cena finale per la conoscenza reciproca

Tra l'ex cimitero di San Pietro in Vincoli, il Cottolengo e Scuola Holden, la seconda edizione del Festival delle Migrazioni, che si terrà dal 25 al 29 settembre 2019.

FEstival delle Migrazioni

Ideata dalle compagnie torinesi A.C.T.I. Teatri Indipendenti, AlmaTeatro e Tedacà, con il sostegno di Compagnia di San Paolo e Fondazione Piemonte dal Vivo, la manifestazione propone cinque giorni di appuntamenti "per parlare di futuro e società, a partire dal più scottante e attuale tema che interessi oggi l'Occidente, mettendo in atto una narrazione diversa e che vada al di là degli stereotipi. Attraverso l'arte, oltre che tramite incontri, dibattiti e momenti conviviali, si alterneranno nel corso del festival ospiti d'eccezione che a vario titolo in questi anni hanno elaborato a livello narrativo i processi e le storie che stanno cambiando il nostro mondo in rapporto alla migrazione. Tra questi, l'attore e regista Ascanio Celestini, la già europarlamentare Elly Schlein e la scrittrice Igiaba Scego" racconta il comunicato stampa. Incontri, spettacoli, mostre e film seguiranno alcuni fili conduttori facilmente identificabili come la migrazione femminile, che richiede coraggio e forza supplementari, il legame tra informazione e diffusione dell'odio, l'incontro tra le diverse religioni. Ci sono temi di grande attualità come la situazione libica, le politiche di rifiuto e i business intorno al trasporto delle persone.

A concludere la manifestazione, la Cena delle cittadinanze, una lunga tavolata imbandita nel cortile di San Pietro in Vincoli. Ognuno dei partecipanti è invitato a portare del cibo da condividere e allo stesso tempo a gustare specialità culinarie dal mondo. "Un'occasione per cittadini, istituzioni, operatori e associazioni di ritrovarsi insieme in un clima di condivisione e comunità" sottolinea il comunicato stampa (e come non condividere?).

Il programma completo, con gli eventi, gli incontri e gli spettacoli, su www.festivaldellemigrazioni.it.


Commenti