Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

A pranzo Dal Pucci, a Noli: pasta e frutti di mare, per ritornare

Weekend al mare, con gita fuori porta a Noli, borgo marinaro che è tra i più belli d'Italia e che merita una visita per le sue atmosfere medievali, con tanto di torri, mura e Castello che veglia dall'alto della collina. Dopo una bella mattinata tra i suoi portici, il lungomare e i deliziosi scorci del centro storico, il dilemma, dove si va a mangiare?

Dal Pucci Noli Dal Pucci Noli

La scelta è caduta su un ristorante del centro storico, con vista sulla porta e sulle torri medievali, che presentava un interno contemporaneo, probabilmente appena ristrutturato, e piccoli tavolini sulla via. A convincere anche i piatti proposti, a prezzi giusti. Anche il nome è stato divertente e convincente: Dal Pucci. Ai tavoli clienti di varie nazionalità, con prevalenza di stranieri più che di italiani, personale gentile e premuroso ed è stato facile sedersi.

Dal Pucci Noli Dal Pucci Noli

Per me un abbondante piatto di spaghetti allo scoglio, per chi mi accompagnava, trofie al Pucci (con zafferano, vongole, calamari, gamberi). Nel mio piatto cozze, scampi, vongole, gamberetti, in un sugo saporito e con spaghetti all'uovo al dente; una delizia che non mi è costato finire, nonostante l'abbondanza della porzione. Le trofie al Pucci anch'esse al dente, con un equilibrio di sapori perfetto. Fuori menù, come piatto del giorno la zuppa di pesce: mi sarebbe piaciuto assaggiarla, da amante del pesce, ma davvero "non ci stava più niente", nemmeno il dolce (rimango con la curiosità per la panna cotta). Era tutto così buono e così in equilibrio, persino la cortesia del personale, che accontentava al volo i clienti seduti al tavolo, che la prossima volta che tornerò a Noli, in primavera, so già dove andrò a pranzare (per togliermi le curiosità dei piatti non provati). E quando la cucina è buona, si sente: dopo pranzo, ancora una passeggiata per Noli, per godersi il clima mite del primo autunno, senza avvertire alcun "peso" fastidioso, nonostante l'abbondanza del pranzo.

Dal Pucci è a Noli (SV), in via Cristoforo Colombo 81; le foto del ristorante, da infonoli.com


Commenti