La notte che verrà, installazione itinerante di luci e suoni per la rinascita della Dora

Un'installazione di luci e suoni che il 28 luglio 2021 dalle ore 22 percorrerà entrambe le rive della Dora, dal Campus Einaudi al Parco Dora, per celebrare il via a 19 progetti che cambieranno il volto ai quartieri che vi si affacciano, migliorando la qualità della vita dei residenti. La notte che verrà , questo il suo nome, " trasporterà, cullata dal fiume, le voci, le lingue e le storie narrate dagli abitanti dei quartieri lungo il suo corso" spiega il comunicato stampa "I ponti di luce, trasportati da veicoli 100% elettrici, si muoveranno lungo gli argini del fiume e andranno a valorizzare, grazie al disegno luminoso, i luoghi simbolo dei quartieri. Sarà una coreografia in movimento che toccherà i ponti Carpanini, Livorno e Washington; che visiterà il Parco Dora, la Biblioteca Italo Calvino, il Campus e Borgo Dora, tutti luoghi simbolo di inclusività e condivisione. Ponti di luce tra le persone che condividono uno spazio sia reale, sia interiore. Al termine del pe

A pranzo Dal Pucci, a Noli: pasta e frutti di mare, per ritornare

Weekend al mare, con gita fuori porta a Noli, borgo marinaro che è tra i più belli d'Italia e che merita una visita per le sue atmosfere medievali, con tanto di torri, mura e Castello che veglia dall'alto della collina. Dopo una bella mattinata tra i suoi portici, il lungomare e i deliziosi scorci del centro storico, il dilemma, dove si va a mangiare?

Dal Pucci Noli Dal Pucci Noli

La scelta è caduta su un ristorante del centro storico, con vista sulla porta e sulle torri medievali, che presentava un interno contemporaneo, probabilmente appena ristrutturato, e piccoli tavolini sulla via. A convincere anche i piatti proposti, a prezzi giusti. Anche il nome è stato divertente e convincente: Dal Pucci. Ai tavoli clienti di varie nazionalità, con prevalenza di stranieri più che di italiani, personale gentile e premuroso ed è stato facile sedersi.

Dal Pucci Noli Dal Pucci Noli

Per me un abbondante piatto di spaghetti allo scoglio, per chi mi accompagnava, trofie al Pucci (con zafferano, vongole, calamari, gamberi). Nel mio piatto cozze, scampi, vongole, gamberetti, in un sugo saporito e con spaghetti all'uovo al dente; una delizia che non mi è costato finire, nonostante l'abbondanza della porzione. Le trofie al Pucci anch'esse al dente, con un equilibrio di sapori perfetto. Fuori menù, come piatto del giorno la zuppa di pesce: mi sarebbe piaciuto assaggiarla, da amante del pesce, ma davvero "non ci stava più niente", nemmeno il dolce (rimango con la curiosità per la panna cotta). Era tutto così buono e così in equilibrio, persino la cortesia del personale, che accontentava al volo i clienti seduti al tavolo, che la prossima volta che tornerò a Noli, in primavera, so già dove andrò a pranzare (per togliermi le curiosità dei piatti non provati). E quando la cucina è buona, si sente: dopo pranzo, ancora una passeggiata per Noli, per godersi il clima mite del primo autunno, senza avvertire alcun "peso" fastidioso, nonostante l'abbondanza del pranzo.

Dal Pucci è a Noli (SV), in via Cristoforo Colombo 81; le foto del ristorante, da infonoli.com


Commenti