In Piazza Carignano, un appartamento tra Settecento e Oriente by Fragomeli & Partners

Davanti a Palazzo Carignano, affacciato sul vero salotto di Torino, l'intima e raccolta piazza Carignano, nello stesso palazzo aulico che ospita il Teatro Carignano, il Ristorante Del Cambio e la Gelateria Pepino, c'è questo fascinosissimo appartamento, in equilibrio tra il Settecento torinese e le suggestioni dell'oriente asiatico dei padroni di casa.

Appartamento piazza Carignano Fabrizio Fragomeli e Angelica Morra
Il soggiorno dell'appartamento (sin) - gli architetti Angelica Morra e Fabrizio Fragomeli (des)

Un appartamento che è stato totalmente rivisto e trasformato dagli architetti Fabrizio Fragomeli e Angelica Motta, tanto da avere adesso una superficie sensibilmente maggiore. "Quando siamo entrati per la prima volta, era uno spazio abbandonato da anni, senza riscaldamento, c'era tutto da rifare, nessuno gli avrebbe dato un euro. Durante il cantiere, abbiamo scoperto che c'erano controsoffittature, probabilmente per ragioni di riscaldamento, le abbiamo tolte e abbiamo liberato queste volte alte 5 metri" racconta Angelica Motta. Un'altezza incredibile per un appartamento contemporaneo, così gli architetti hanno pensato immediatamente di sfruttarla.

Appartamento piazza Carignano Appartamento piazza Carignano

"Abbiamo creato tre soppalchi diversi e indipendenti, sotto tre grandi volte della casa. Un progetto impegnativo, perché per realizzarli abbiamo dovuto rinforzare tutti i muri perimetrali, in modo che potessero sostenerli. La camera da letto dei proprietari ha adesso la vera e propria camera con il bagno e la cabina armadio per lei al piano, mentre sul soppalco ci sono la cabina armadio e il bagno di lui più uno studio, utilizzato da lui. Sulla cucina, abbiamo realizzato una dispensa e uno spazio per i servizi. Nella camera delle tre figlie, al piano c'è una zona comune, in cui possono studiare e stare con gli amici, il bagno e una cameretta, mentre le altre due camerette sono sul soppalco, separate dalle scale di accesso. In questo modo dai 180 metri quadrati originari siamo passati a 250 metri quadrati" spiega Morra. Un'idea brillante, che ha permesso di dare uno stile di vita contemporaneo a un edificio dagli spazi antichi.

L'unica volta che non è stata soppalcata è quella del soggiorno, affacciato su piazza Carignano: è uno spazio che ha recuperato l'altezza e le decorazioni originarie e che, più di tutti, gioca con la doppia anima del progetto: i colori e le porcellane d'Oriente, i sapori aulici del Settecento piemontese. I rimandi sono continui, facilitati anche dalla splendida vista dalle finestre: ci si affaccia e si hanno davanti due degli spettacolari capolavori torinesi che usano i laterizi, il Palazzo Carignano e l'Accademia delle Scienze.

Appartamento piazza Carignano Appartamento piazza Carignano

Una vista che è stata valorizzata in ogni modo: la cucina è completamente bianca e rigorosa, per esaltare la vista dei laterizi barocchi, a chiudere la prospettiva; la poltroncina del relax davanti a una delle finestre, un davanzale trasformato in una piacevole scrivania. Anche nel bagno della proprietaria, la vasca da bagno di dimensioni e gusto orientali è stata sistemata davanti alla finestra, proprio per permettere di godersi in tutta calma la bellezza appena fuori dai vetri.

Appartamento piazza Carignano Appartamento piazza Carignano

L'Oriente è presente nelle decorazioni e nelle scelte stilistiche, come un ricordo di famiglia: "Lui è piemontese, lei è australiana, vivevano con le tre figlie a Hong Kong e hanno deciso di tornare a Torino per far scoprire alle bambine le radici italiane e dare loro la possibilità di studiare in Italia. Ma hanno voluto portare con sé un po' di Estremo Oriente" spiega l'architetto. Lo si ritrova non solo nei mobili che fanno parte della storia familiare, ma anche nel corridoio, una boiserie di gusto un po' zen, che introduce a sorpresa nel salone, aulico e settecentesco, volutamente di contrasto, come una dichiarazione d'intenti. "Abbiamo voluto mixare i due aspetti della famiglia, con una storia orientale che continua in un Palazzo settecentesco. Un incontro tra Settecento e Oriente, da cui esce fuori la personalità dei padroni di casa".

Appartamento piazza Carignano Appartamento piazza Carignano

Nella conversazione, Angelica Motta mi ha raccontato un aneddoto che mostra quanto viviamo in un mondo globale e quanto le nuove tecnologie ci abbiano reso davvero senza confini. I proprietari hanno visto e acquistato l'appartamento, poi sono tornati in Cina e hanno seguito tutti i lavori di ristrutturazione e di decorazione attraverso Skype, Whatsapp, email e quant'altro Internet mette a disposizione. Anche la scelta dei mobili da portare in Italia e da acquistare è stata fatta in stretto contatto web con gli architetti: "Quando si sono trasferiti a Torino, l'appartamento era pronto e loro sono entrati per la prima volta: fisicamente non l'avevano mai visto completato, sebbene ne conoscessero tutti i dettagli, via Skype". Architettura e bellezza senza confini.

Lo studio Fragomeli and Partners è sul web, su fragomeliandpartners.com; Angelica Morra ha anche un proprio sito web, www.angelicamorra.com. Le foto sono di Barbara Corsico.


Commenti