Da youtube, il video di Kirsten Dirsen sulla Pra di Brëc di QOS Studio, a Locana

Kirsten Dirsen è tornata nelle valli alpine torinesi, alla scoperta di antichi edifici di montagna rinati a nuova vita. Dopo la Baita di Studioata , presenta nel suo canale di youtube (1,7 milioni di iscritti!) un bel progetto di ristrutturazione, realizzato a Locana, a poche decine di km da Torino. Qui la famiglia Laboroi ha voluto trasformare l'antica casa-fienile, che appartiene loro da ben quattro generazioni, in una casa per le vacanze, chiamata Pra di Brëc. Il progetto è stato affidato all'astigiano QOS Studio. Come spiega a Kirsten Davide Querio, geometra dello studio, l'edificio è stato liberato dall'intonaco aggiunto qualche decennio fa, per lasciare a vista i bei muri in pietra. Una scelta che ha restituito identità all'intera struttura: nel video si mostra il "prima" e "dopo" e si può apprezzare quanto la casa fosse stata resa anonima dall'intonaco e quanto invece adesso abbia una personalità coerente con il paesaggio circosta

Alle OGR, History as Landscape di Mauro Restiffe riflette sull'architettura

Mancano pochi giorni alla chiusura della mostra History as Landscape, che alle OGR propone una bella riflessione sull'architettura attraverso le immagini del fotografo brasiliano Mauro Restiffe. Chiuderà il 29 dicembre 2019 e, se amate l'architettura e la fotografia e vi piacciono i mosaici, che uniscono esperienze diverse per arrivare a quadri sorprendenti, sarebbe un peccato perderla, in quest'ultimo weekend dell'anno.

Restiffe OGR Restiffe OGR

A cura di Nicola Ricciardi, con Giulia Guidi, la mostra si trova negli ampli spazi di Binario 2 e si muove su due grandi muri; su uno, le immagini di una vita, scattate da Restiffe nel corso della sua carriera; 78 foto che indagano sull'architettura, i suoi dettagli e i suoi significati, riflettendo in particolare sull'architettura modernista e sui suoi architetti, tra utopie in cerca di conferme, presenze umane e rapporti sempre nuovi con i contesti. Sono foto di formato diverso, associate per creare una grande figura, come un mosaico, che al suo interno scopre altre chiavi di lettura, siano fotografiche (Restliffe preferisce la pellicola al digitale, per rendere più leggibili le trame del suo lavoro) o architettoniche (l'esplorazione fotografica insiste su Brasilia, città del futuro, sui dettagli di edifici sconosciuti, sugli assi visuali interno/esterno, sulla presenza umana, spesso indispensabile per dare un'idea di vivibilità degli spazi descritti).

Anche l'Italia e Torino hanno un posto da protagoniste; per realizzare alcune fotografie della mostra, Restiffe ha viaggiato appositamente nel nostro Paese. Così sono presenti lavori di Carlo Mollino, Franco Albini o Carlo Scarpa, tra Torino, Milano e Genova, perfettamente inserite nel discorso globale sull'architettura che questo breve percorso propone. Si esce con tante idee sulla complessità dell'architettura, sul suo ruolo nella nostra cultura e nella soluzione dei problemi sociali. Che lo vogliamo o meno, l'idea dell'architettura condiziona fortemente l'idea stessa della società. Bello che nello spazio dedicato alle arti visive le OGR invitino spesso a riflettere sull'architettura e su quello che racconta di noi, di quello che siamo, di quello che vogliamo.

History as Landscape è alle OGR, in via Castelfidardo 22, fino al 29 dicembre 2019. L'orario di apertura è ore 11-19, il biglietto costa 8 euro, ridotto 5 euro, gratuito per i possessori della tessera Abbonamento Musei.


Commenti