Buon compleanno Torino, 5 ristoranti in cui brindare ai tuoi 2029 anni

Il 30 gennaio Torino compie 2029 anni, essendo stata fondata in questo giorno del 9 a.C.: la data è stata rivelata lo scorso anno, dopo intensi studi su documenti storici, riti di fondazione delle città e movimenti astronomici. Così, adesso che abbiamo una data per celebrare la nascita della città, e in attesa che le autorità cittadine sappiano utilizzarla, con iniziative culturali e pubblici festeggiamenti, ecco cinque ristoranti, che raccontano un po' cinque diversi aspetti della città, in cui brindare e augurare buon compleanno a Torino.

Del Cambio Ristorante Torino
Ristorante Del Cambio
Il più antico dei cinque: aperto dal 1757, ha visto passare tra i suoi tavoli il conte Camillo Benso di Cavour, senatori del Regno come Giuseppe Verdi e Alessandro Manzoni, personalità varie come Casanova, Puccini, Nietzsche, Soldati, gli Agnelli. Affacciato su piazza Carignano, ha al comando della cucina lo chef Matteo Baronetto, le cui radici piemontesi guidano "alla riscoperta della tradizione, mentre una tecnica solidissima, congiunta a sorprendenti intuizioni creative, lo conduce a realizzare piatti difficilmente etichettabili". Piazza Carignano 2.

Circolo dei Lettori Ristorante Torino
Ristorante Circolo dei Lettori
Il Circolo dei Lettori è un unicum tutto torinese (con sede distaccata a Novara), in cui la passione per i libri e per la cultura si incontrano tra affreschi e stucchi dello storico Palazzo Graneri della Roccia. Ed è probabilmente questa mescola tra passione per la conoscenza ed eleganza degli spazi che rende le atmosfere così torinesi. Nel Ristorante, nella storica Tampa, in cui sono raccolti un centinaio di ritratti e autoritratti, sono passati intellettuali e artisti. La cucina, guidata da Stefano Fanti, punta sulla tradizione piemontese (e infatti è da provare il menù degustazione 7 assaggi). Via Bogino 9.

Cantine Vittoria Torino
Cantine Vittoria
Si cambia genere, per rendere omaggio alle antiche piole torinesi, che tanto hanno fatto nella costruzione del gusto di Torino a tavola. Siamo in Borgo Vittoria, nella piazza del mercato: le Cantine sono affollatissime tutti i giorni, propongono menù legati alla tradizione piemontese, in un'atmosfera antica, ma vivace; sotto volte con mattoni a vista, formaggi, salumi e vini che sanno subito di genuinità. I piatti proposti in menù cambiano spesso, soprattutto alla mattina, sono legati alla stagionalità dei prodotti e piuttosto solidi, dagli agnolotti ai tajarin, passando per la pasta e fagioli. Prezzi popolari. Piazza della Vittoria 31/b

Giù al Nord Ristorante Torino
Giù al Nord
Cosa sarebbe Torino senza la grande immigrazione dalle altre regioni d'Italia, in particolare dal nostro Sud? Non sarebbe la stessa, lo sappiamo ed è giusto rendere omaggio alle tradizioni arrivate dal Meridione, con i loro profumi e i loro ingredienti. Giù al Nord è un ristorante che ha aperto da poco ed è tutto dedicato alla cucina del Sud, sia di mare che di terra. Non mancano bruschette, caponate, pasta alla Norma, piatti che ricordano le tradizioni di tante tavole torinesi, ricordiamole e festeggiamole nel giorno del compleanno della città. Via Alfieri 20.

Nativo Ristorante Torino
Nativo, esperienza peruviana
Nativo è nato lo scorso autunno da una costola del ristorante Vale un Perù, per offrire un viaggio nella nuova cucina peruviana e permettere a Miguel Bustinza e Patricia Trujillo, i due proprietari, di giocare con la creatività e far conoscere l'anima più contemporanea della loro cucina. Aperto solo a cena, due menù degustazione per scoprire tradizioni e ricerca delle grandi regioni che rendono unica, per prodotti e tradizione, la cucina peruviana: Amazzonia, Selva, Sierra e Ande. Con Nativo, un buon compleanno alla Torino che non smette di accogliere e di arricchirsi, con l'arrivo di tante culture. Via S. Bernardino 2


Commenti