Quando si andava in spiaggia sul Po

Mentre arriva l'autunno, queste fotografie che arrivano dal passato, per raccontare quando i fiumi di Torino erano balneabili e chi non poteva raggiungere la Liguria e le spiagge approfittava delle rive del Po, della Stura e del Sangone (lungo la Dora sorgevano le industrie ed era per questo meno ambito; per questa stessa ragione, i bagni erano a monte della città, da Moncalieri fino all'altezza delle attuali Molinette, e non a valle, dove venivano versati nel fiume gli scarichi della città e delle sue industrie). Lungo il Po sorgevano veri e propri stabilimenti balneari, con ombrellini, sdraio e, nei casi di maggior lusso, con piscina propria, oltre alle acque del fiume. I bagni più belli, i Bagni Lido Savoia e i Bagni Diana, si trovavano sulla riva destra del Po, all'altezza, più o meno di Italia 61, ma sull'altro lato; avevano alle spalle la collina e in lontananza, guadando verso nord, la guglia della Mole Antonelliana (davanti la macchia verde che ci sarebbe

Le Gallerie d'Italia di Banca Intesa Sanpaolo a Torino, a Palazzo Turinetti. Il progetto

Una città sempre più legata alla fotografia. È quello che Torino potrebbe diventare entro un paio di anni, grazie all'apertura del quarto museo delle Gallerie d'Italia di Intesa Sanpalo (sono già presenti a Milano, Napoli e Vicenza). A presentare il progetto, ieri, i vertici dell'istituto, "l'unico Gruppo bancario al mondo ad avere quattro musei di proprietà che mette al servizio del bene pubblico con l'esposizione di collezioni permanenti e una programmazione di mostre originali di propria produzione" come tiene a sottolineare il comunicato stampa.

Rendering Gallerie d'Italia Torino Rendering Gallerie d'Italia Torino

Le Gallerie d'Italia sono "il polo museale di Intesa Sanpaolo creato con l'obiettivo di condividere con i visitatori il patrimonio d'arte ereditato dagli oltre 250 istituti bancari confluiti nel Gruppo: si tratta di circa un migliaio di opere, le più significative tra quelle dell'intero patrimonio di proprietà, esposte in tre realtà architettoniche di pregio, nel centro di Milano, Napoli e Vicenza trasformate in musei. In ciascuno di essi, viene offerta una ricca programmazione di mostre temporanee". Adesso è il turno di Torino, dove le Gallerie d'Italia apriranno nello storico Palazzo Turinetti, in piazza San Carlo, sede legale di Intesa Sanpalo. Qui verrà esposta "una selezione di opere dalle collezioni della Banca, tra cui l'Archivio Publifoto, costituito da circa 7 milioni di scatti fotografici su eventi, personalità, luoghi realizzati dall'inizio degli anni Trenta agli anni Novanta del '900 e acquisito di recente da Intesa Sanpaolo". Non solo. Le Gallerie ospiteranno anche mostre temporanee di fotografi di fama internazionale, " in sinergia con le istituzioni culturali italiane e straniere e con i principali eventi cittadini sostenuti dalla Banca". Uno spazio, insomma, che nasce già protagonista della vita culturale cittadina (che Intesa Sanpaolo tenga alle sue origini torinesi lo dimostrano le attività culturali proposte nel grattacielo di Renzo Piano e lo stesso appuntamento natalizio con l'Ospite illustre, che durante le vacanze di Natale porta al 35° piano un grande capolavoro della pittura internazionale appartenente alle collezioni delle Gallerie d'Italia).

Rendering Gallerie d'Italia Torino Rendering Gallerie d'Italia Torino

Del nuovo Museo torinese è interessante anche il progetto architettonico, firmato dall'architetto Michele De Lucchi con AMDL CIRCLE. La maggior parte degli spazi sarà infatti sotterranea, raggiungibile con una grande scalinata che cambierà il volto del cortile di Palazzo Turinetti e che, allo stesso tempo, grazie alla sua grandiosità, porterà la luce naturale nella hall, in cui si troverà la reception, ulteriormente illuminata grazie alle aperture sul soffitto. Nei sotterranei dell'edificio sono presenti sale conferenze, archivi, caveau, che saranno trasformati in spazi espositivi, così come il più suggestivo di tutti, una galleria voltata, esattamente sotto i portici di piazza San Carlo. Sono previsti anche spazi per la didattica e un laboratorio di restauro. Anche il piano nobile dell'edificio, affacciato su piazza San Carlo e arricchito da decori e stucchi dell'età barocca, diventerà spazio espositivo, mentre, sotto i portici della piazza, la caffetteria già presente sarà ampliata, in modo da avere un'apertura anche nel cortile.

Rendering Gallerie d'Italia Torino Rendering Gallerie d'Italia Torino

Il cantiere per i lavori di ristrutturazione partirà nei prossimi mesi e durerà un paio d'anni. Poi, un nuovo tassello, autorevole e prestigioso, per il mondo culturale torinese e per il ruolo di Torino nella valorizzazione della fotografia come strumento culturale.

I rendering esterni sono © Filippo Bolognese, quelli degli interni © AMDLO CIRCLE


Commenti