Quando corso Galileo Ferraris non aveva gli alberi

Fa sempre un po' impressione vedere com'erano qualche decennio fa i luoghi di Torino che siamo abituati a frequentare. Qui siamo all'incrocio di corso Galileo Ferraris con via Filadelfia: il benzinaio c'è ancora, adiacente al complesso della Facoltà di Economia e Commercio, un tempo sede della casa di riposo Poveri vecchi. Si riconosce l'edificio della Piscina Stadio Monumentale e, al fondo, l'edificio ancora oggi esistente, all'angolo tra corso Galileo Ferraris e piazza Grande Torino, praticamente in piazza d'Armi; in mezzo, piccole ville andate perdute nel tempo, quando la campagna è diventata città.

benzinaio angolo via filadelfia benzinaio angolo via filadelfia
Il benzinaio negli anni 50 /da Torino sparita di skyscrapercity), lo stesso angolo oggi (da Street View)

Oggi, al loro posto, ci sono la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani e Aquatica Torino, sede di squadre maschili e femminili di numerosi sport acquatici, dal nuoto alla pallanuoto al nuoto sincronizzato. Siamo a pochi passi dallo Stadio Grande Torino, sul lato opposto dell'isolato, e dal Pala Alpitour, un tempo PalaIsozaki, una delle più belle strutture polifunzionali lasciate da Torino 2006 alla città.

In qualche modo è stata mantenuta e ampliata la vocazione sportiva che questa foto degli anni '50 del Novecento già annunciava. Ci sono in più anche i magnifici platani e ippocastani, gli alberi dei due degli storici viali che arrivano dal centro, corso Unione Sovietica e corso Galileo Ferraris. Impressiona forse proprio l'assenza degli alberi, più che delle costruzioni: difficile immaginare Mirafiori senza i suoi viali.


Commenti