A Stresa, la prima edizione di Vino, sostantivo femminile. Il vino prodotto dalle donne

[AGGIORNAMENTO Manifestazione rimandata, seguendo le disposizioni della Regione Piemonte sul coronavirus] Un mondo in cui le donne stanno iniziando ad avere uno spazio sempre più ampio, quello che ruota intorno al vino, e a marzo, mese delle donne per eccellenza, se ne avrà un'ulteriore prova. A Stresa, sulle rive piemontesi del Lago Maggiore, il 1° marzo 2020, ci sarà la prima edizione di Vino, sostantivo femminile, che riunirà un centinaio di professioniste, per presentare storie, produzioni e territori dal punto di vista delle donne. Oltre alle produttrici, ci saranno infatti anche enologhe, giornaliste, ristoratrici, sommelier, esperte di comunicazione, proprietarie di enoteche, per una volta protagoniste della scena. Le aziende produttrici presenti saranno in larga parte piemontesi, ma ci saranno anche rappresentanti da Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Lazio.

Vino, sostantivo femminile Vino, sostantivo femminile

Sede dell'evento, l'Hotel Regina Palace, uno dei più prestigiosi alberghi di Stresa, noto per aver ospitato in passato alcune edizioni di Miss Italia. E nei suoi spazi eleganti, dalle ore 11 alle ore 19, ci saranno un'area espositiva, con banchi di assaggio per scoprire il vino prodotto dalle donne, un'area food, dedicata soprattutto ai produttori locali, un convegno, Donne, vino e ambiente, organizzato dall'Associazione Nazionale Le Donne del Vino; uno spazio interviste, in cui una giornalista intervisterà le donne produttrici di vino.

L'ingresso alla manifestazione costa 25 euro e comprende la degustazione dei vini in esposizione (i soci dell'AIS pagano 20 euro); il biglietto si compra direttamente all'ingresso dell'evento.


Commenti