8 marzo: cosa fare a Torino per la Festa della Donna?

La Festa delle Donne coincide quest'anno con l'emergenza del coronavirus. Ma, come già scritto ieri, a proposito della riapertura dei Musei, si può fare tutto, prendendo le dovute precauzioni (la distanza di almeno un metro dalle altre persone, lavarsi spesso le mani, non toccarsi il viso con le mani se non sono state lavate). Così vediamo le tante cose preparate per l'8 marzo a Torino!

Torino

In tanti Musei torinesi, le donne entrano gratis. Al Museo Egizio (via Accademia delle Scienze 6), oltre all'ingresso gratuito, in programma anche una visita dedicata alla figura femminile nell'antico Egitto: Donne, Regine e Dee è un racconto antico "di grande attualità, che avrà come protagoniste la principessa Redji, la bella Neferu, la signora della casa Hel, la misteriosa Merit, l'imprenditrice Tsenhor, l'eterna Nefertari, la potente Sekhmet"; visite in partenza alle ore 10.20 e alle ore 16.10, per la durata di 90 minuti, la tariffa è 5 euro escluso il prezzo del biglietto d'ingresso (che con i prezzi speciali di #la CulturaCura costa 10 euro).

Al Museo del Cinema (via Montebello 20), ingresso ridotto a 9 euro per tutte le donne e una visita guidata, alle ore 18, alla mostra Cinemaddosso – Cinema&Moda al femminile, per scoprire le icone del cinema vestite da Annamode (5 euro per un'ora di visita, da aggiungere al biglietto d'ingresso; prenotazione obbligatoria su www.museocinema.it). A poca distanza, il Museo Accorsi-Ometto (via Po 55) propone l'ingresso ridotto, da 10 a 8 euro, alle donne che visiteranno le collezioni permanenti e in più, alle ore 16.30, una visita tematica guidata, Donne allo specchio. Racconti femminili dal passato, che approfondirà l'immagine della donna nel Settecento: "Attraverso i ritratti e gli oggetti d’uso femminile presenti nella collezione del Museo Accorsi-Ometto si racconteranno le storie di principesse, pittrici, cuoche e cortigiane".

Palazzo Madama, residenza delle due Madame Reali, Cristina di Francia e Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, celebra giustamente l'8 marzo non solo con l'ingresso gratuito per tutte le donne, ma anche con una visita dedicata alle due Reggenti, intitolata Una residenza tutta al femminile; si parte alle ore 15 e la visita costa 6 euro (da aggiungere al biglietto di ingresso se si è uomini).

Fuori città, la Reggia di Venaria Reale accoglierà tutte le donne con ingresso gratuito alla Reggia e ai Giardini e con uno sconto del 10% per gli acquisti al Bookshop e al Caffè degli Argenti.

Non di soli Musei si vive e, se volete provare un tour torinese al femminile, c'è la proposta di Somewhere, con i suoi due itinerari: Ritratto di Signora – Accademia Albertina speciale Festa della Donna apre in esclusiva le porte dell'Accademia e svela i laboratori di scultura e pittura con le loro Muse, poi gli archivi, le mode, le maestre d'arte, con una chicca finale, che arriverà direttamente sul PC dei partecipanti (8 marzo, ore 18, via Accademia Albertina, 29,50 euro a persona, info e prenotazioni www.somewhere.it); l'altro tour porterà in giro per Torino, un Women's Cabrio che scoprirà gli scorci più belli della città tra curiosità, aneddoti, storie di grandi donne tra bollicine e cioccolato (8 marzo, ore 18, piazza Solferino davanti al Teatro Alfieri, 28 euro a persona, info e prenotazioni al link già indicato).


Commenti