Il Bagna Cauda Day, in oltre cento ristoranti, non solo piemontesi

Saranno due i fine settimana autunnali dedicati a uno dei piatti piemontesi tipici della stagione, la bagna cauda. Il 26-27-28 novembre e il 3-4-5 dicembre 2021, oltre cento ristoranti, non solo piemontesi, parteciperanno al Bagna Cauda Day, ma le prenotazioni apriranno il 24 ottobre, quando sul sito www.bagnacaudaday.it saranno pubblicate le liste dei locali partecipanti, con relative schede. Non cambia la formula, che ha fatto la fortuna dell'evento, organizzato dall'Associazione Culturale Astigiani. La bagna cauda potrà essere proposta in varie versioni, contraddistinte da un semaforo: Come dio comanda (rosso), eretica (giallo) o atea senz'aglio (verde). Previsto anche il Finale in gloria con tartufo. Il vino è proposto al prezzo di 12 euro a bottiglia, grazie all’accordo con quattro importanti case vinicole astigiane leader della Barbera: Bava di Cocconato, Braida di Rocchetta Tanaro, Cascina Castlet di Costigliole e Coppo di Canelli. Prezzo di riferimento del piatto

Encar Prima Doc: il primo grande concerto di musica occitana nel web

Anche Occit'amo, il Festival che dalle valli del Piemonte sud-occidentale celebra la cultura occitana, sarà quest'anno una manifestazione virtuale. Un primo assaggio, nell'attesa dell'estate, è in programma per domani, 3 maggio 2020, con un grande concerto di musica occitana, che, sullo sfondo del Monviso, riunirà grandi musicisti dell'antica Occitania. Dalle ore 15, Sergio Bernardo dei Lou Dalfin, lancerà Encar Prima Doc / Ancora Prima Doc, in diretta su www.facebook.com/occitamo.

Roby Avena, foto di Chiara Bruno

"Il meglio della musica occitana internazionale entra nelle case attraverso il racconto di 6 anni di festival e oltre 20 interventi musicali con le voci dei più importanti artisti delle terre occitane, dai Pirenei alle Alpi, che raccontano la loro tradizione attraverso brani innovativi. Dai Modena City Ramblers e Madaski, amici assodati del festival, a Jean Paul Faraut dalla Provenza, dal basco Bidaia all'aragonese Jesus Diez, da Manu Theron di Marsiglia ai Nux Vomica, band simbolo di Nizza, per citare solo qualcuno degli artisti che si esibiranno in diretta social. Un pomeriggio per ascoltare e danzare insieme, uniti dalla musica anche se distanti fisicamente, in diretta dal Filatoio di Caraglio, uno spazio museale unico nel panorama europeo, che diverrà cuore pulsante della musica di Occit’amo Festival" anticipa il comunicato stampa.

L'elenco completo dei municipi partecipanti, con la loro terra d'appartenenza, è il seguente: Modena City Ramblers; Jean Paul Faraut / Provence; Eduardo Buerba Montull - Cadiera Coixa / Aragona; Jesus Diez / Aragona; Pierre Rouch / Couseran, Pirenei; Bidaia / Paesi Baschi; Robert Matta / Guascogna; Roby Avena / Val Vermenagna; Dino Tron / Val Chisone; Luca Declementi e Davide Bagnis / Pitakass; Chiara Cesano / Val Varaita; Simonetta Baudino / Valle Maira; Edoardo Degioanni – Lou Seriol / Valle Stura; Luca Poetto – Bogianen; Michela Giordano – Destartavelats; Daniela Mandrile – Destacho la danso; Manu Theron / Marsiglia; Escòlas de Bodegas di Sophie Jaques de Dixmude / Langue Doc; Maxence Camelin / Langue Doc; Louis Pastorelli – Nux Vomica / Nizza; Gigi de Nissa – Mauresca.


Commenti