Il Bagna Cauda Day, in oltre cento ristoranti, non solo piemontesi

Saranno due i fine settimana autunnali dedicati a uno dei piatti piemontesi tipici della stagione, la bagna cauda. Il 26-27-28 novembre e il 3-4-5 dicembre 2021, oltre cento ristoranti, non solo piemontesi, parteciperanno al Bagna Cauda Day, ma le prenotazioni apriranno il 24 ottobre, quando sul sito www.bagnacaudaday.it saranno pubblicate le liste dei locali partecipanti, con relative schede. Non cambia la formula, che ha fatto la fortuna dell'evento, organizzato dall'Associazione Culturale Astigiani. La bagna cauda potrà essere proposta in varie versioni, contraddistinte da un semaforo: Come dio comanda (rosso), eretica (giallo) o atea senz'aglio (verde). Previsto anche il Finale in gloria con tartufo. Il vino è proposto al prezzo di 12 euro a bottiglia, grazie all’accordo con quattro importanti case vinicole astigiane leader della Barbera: Bava di Cocconato, Braida di Rocchetta Tanaro, Cascina Castlet di Costigliole e Coppo di Canelli. Prezzo di riferimento del piatto

Sei lezioni online in attesa della Grande Invasione di Ivrea (ad agosto)

La Grande Invasione, che da otto anni caratterizza il ponte del 2 giugno di Ivrea, quest'anno si terrà dal 28 al 30 agosto 2020, per le note ragioni. Ma gli organizzatori intendono celebrare lo stesso gli originari giorni tra maggio e giugno, con #aspettandoinvasione20, sei lezioni online, dedicate alla diversa attualità e tenute da illustri maestri come Chiara Alessi, Matteo Nucci, Luca Scarlini, Andrea Staid, Chiara Valerio. 


Le loro lezioni avranno il costo simbolico di 5 euro, da versare tramite paypal sul sito della manifestazione (se siete invece a Ivrea, potete comprare le lezioni alla libreria La Galleria del Libro, in via Palestro 70). La scelta delle lezioni a pagamento è presto spiegata: "Una parte del ricavato sarà destinato al compenso dei relatori, l'altra andrà in beneficenza al Centro diurno di salute mentale di Ivrea (ASL TO4) con cui La grande invasione collabora ogni anno organizzando incontri e mostre, e i cui pazienti contribuiscono come volontari nella distribuzione dei programmi e nella gestione del punto informativo e di accoglienza del festival" scrive il comunicato stampa "Durante il lockdown, il mondo della cultura non ha potuto far altro che esprimersi e comunicare attraverso i social e online, per lo più a titolo gratuito. È stato giusto così, in un periodo di tale smarrimento collettivo l'essenziale era rimanere uniti il più possibile, attraverso qualunque mezzo. Al contempo tuttavia, non si può dimenticare che la filiera culturale è composta da persone che lavorano all'interno di questo settore, donne e uomini la cui ripartenza è necessaria tanto quanto quella degli altri settori. Le lezioni a pagamento dell'Invasione vogliono essere un passo in questa direzione: considerare i contenuti culturali come qualcosa per cui spendere, o meglio un valore su cui investire". 

Ecco il calendario degli eventi, da oggi fino al 1° giugno 2020

30 maggio 2020
ore 11-12
Chiara Alessi
Eravamo io, Dante e Brigitte Bardot
Storie della storia Olivetti

ore 16-17
Silvia Bencivelli
Si stava peggio quando si stava peggio
Noi e la salute pubblica

31 maggio 2020
ore 11-12
Matteo Nucci
La tragedia del giovane Platone
Un poeta mancato e uno scrittore da costruire

ore 16-17
Luca Scarlini
Libri maledetti
Storie di pagine che bruciano


1 giugno 2020
ore 11-12
Andrea Staid
Dis-integrati
Migrazioni contemporanee e pandemia

ore 16-17
Chiara Valerio
Paripampum eccoci qua
Ascesa e caduta di (quasi) tutte le eroine dei cartoni animati giapponesi che vedevo da bambina



Commenti