Ai Musei Reali riapre il Giardino del Duca e debutta Dal virtuale al Reale

I Giardini Reali riaprono al pubblico il 27 giugno 2020, con una giornata di festa a ingresso gratuito che permette di visitare il Giardino del Duca e, dal 28 giugno, anche il Boschetto. Il Giardino del Duca, il primo giardino del Palazzo Reale, il più antico di tutti, si presenta rinnovato, con una nuova pavimentazione in pietra di Luserna lungo le facciate del Palazzo Reale e della Galleria Sabauda; il "perimetro esterno dei due edifici è ornato da 42 casse in acciaio inossidabile contenenti piante di Ligustrum Iaponicum Texanum, arbusti sempreverdi simili agli aranci e resistenti ai freddi invernali. Nelle innovative citroniere hi-tech sono integrati i dispositivi per illuminare scenograficamente le facciate e segnalare i percorsi. All'allestimento del Giardino Ducale si aggiungono 61 nuove anfore in ghisa, realizzate sul modello dei 43 vasi originali facenti parte delle collezioni storiche, ma con un disegno semplificato per facilitarne l'identificazione; i vasi delimitano i parterre e segnano l’incrocio dei viali. Rose paesaggistiche della varietà Meilland Bonica completano la composizione che poggia su basamenti ottagonali in granito di Montorfano, contenenti piccoli fari Led per illuminare i camminamenti. Al confine dell'aiuola nord sono state aggiunte panchine, corpi illuminanti e cestini di servizio, coordinati con gli arredi già progettati per il recupero del Boschetto, situato a nord-est e di matrice ottocentesca" illustra il comunicato stampa.


Il Giardino del Duca e il Boschetto si propongono insomma come un luogo ideale per una passeggiata al fresco nei prossimi mesi estivi, ricca di begli scorci storici e di attività culturali. Per la giornata di riapertura sono previste esibizioni e musica dal vivo, a cura dei partecipanti al progetto Talenti per il Fundraising della Fondazione CRT e con la collaborazione di Piatino Pianoforti dal 1910. E, soprattutto, le visite guidate, alle ore 10.30, 16 e 17.30 a cura delle guide CoopCulture, per scoprire tutte le novità dei giardini rinnovati. Tante le proposte anche per i giorni successivi, per valorizzare questo prezioso spazio verde nel cuore della città, prodotto delle sovrapposizioni di gusti e culture diverse, nei secoli sabaudi di Torino. Il 28 giugno, Welcome green sarà un'osservazione guidata delle specie floreali presenti nei giardini, quindi, il 12 e il 26 luglio, alle ore 17, le esperienze di Giardini sensoriali, mentre il 18 luglio MRT Garden Drawing 2020 inviterà al disegno dal vero con gli artisti e maestri della Pinacoteca Albertina.

L'estate porterà appuntamenti speciali non solo ai Giardini, ma anche ai Musei Reali, complice l'esperienza dei video realizzati durante la quarantena e pubblicati sul canale youtube dei Musei. Dal 3 luglio 2020, ogni mercoledì e venerdì, alle ore 17, "gli approfondimenti tematici tornano in presenza con Dal virtuale al Reale, ovvero, i curatori e tecnici dei Musei Reali conducono i visitatori alla scoperta di opere e luoghi meno noti": La Manica Nuova di Palazzo Reale, dove l'architettura incontra il museo, con Filippo Masino (3 luglio 2020); Una creatura sorprendente: il Drago da passeggio di Carlo Mollino, con Giorgia Corso (8 luglio 2020); Le Cucine Reali, con Lorenza Santa (10 luglio 2020); Il Giardino del Duca, con Barbara Vinardi (15 luglio 2020); L'Oriente a Palazzo: gli stipi giapponesi nell’Appartamento dei Principi, con Linda Lucarelli (17 luglio 2020); Prove di allestimento: Sumeri e Assiri in passerella, con Patrizia Petitti (22 luglio 2020); Roma antica in miniatura. Viaggio tra le città romane in Piemonte, con Elisa Panero (24 luglio 2020); La pittura dei Bassano, oltre la superficie, con Annamaria Bava (29 luglio 2020); I soffitti dipinti dell'appartamento dei Principi Forestieri, con Lorenza Santa (31 luglio 2020); Porcellane per la tavola del re. Le collezioni di Palazzo Reale, con Franco Gualano (5 agosto 2020); In guerra per gioco. La targhetta da giostra dell'Armeria Reale, con Alessandra Curti (7 agosto 2020); L'immaginario e la memoria. I Longobardi e il culto degli antenati, con Gabriella Pantò (19 agosto 2020); L'Oriente in Armeria Reale. Armi e armature dal continente asiatico, con Giorgio Careddu (21 agosto 2020); Sulle tracce degli Etruschi nel Piemonte preromano, con Rosario Anzalone (26 agosto 2020); Una Madonna fiamminga rivelata. Leggere la pittura attraverso le indagini scientifiche, con Sofia Villano (28 agosto).

Le visite guidate saranno effettuate seguendo le regole di distanziamento sociale richieste per evitare il contagio da Covid-19, pertanto potranno partecipare massimo 8 persone per gruppo; il costo delle visite è di 7 euro. 

Commenti