Un menù autunnale a filiera cortissima e autoprodotta, la svolta di Affini

Un menù autunnale che è risultato di un progetto bello e ambizioso, pensato avendo l'Agenda 2030 dell'ONU come direzione. Il Gruppo Affini svolta verso il controllo della filiera produttiva, sempre più corta, così da rispondere in modo concreto alle esigenze di sostenibilità, più urgenti da dopo il lockdown. Da Green Pea, dove il suo terzo locale (gli altri due sono a San Salvario ea Porta Palazzo) sta per festeggiare un anno di apertura, Davide Pinto spiega come il periodo di chiusura sia stato utilizzato per lo studio e le sperimentazioni: "Il delivery ci ha annoiato subito, sapevamo che non era la nostra soluzione" ha spiegato. Così, durante la pausa delle attività, insieme al suo team, (l'aromatiere e distillatore Alfedo La Cava e il bar manager Michele Marzella in primis ), si è dedicato alla ricerca di nuovi metodi di produzione, con cui sono arrivate anche nuove collaborazioni. Artigiani Gentili , questo il nome del progetto, ha una parte legata alle

Il Torino Jazz Festival nel cortile di Combo (e poi a ottobre)

Il Torino Jazz Festival è la prima manifestazione primaverile rimandata per coronavirus che cerca di riprendere il proprio cammino. Lo farà in un'unica sede, il cortile di Combo, in corso Regina Margherita 128, dal 21 al 30 agosto 2020 (ci sarà poi un epilogo autunnale, dal 2 all'11 ottobre 2020).

Torino Jazz Festival

Inserito nel calendario della rassegna di Torino a Cielo Aperto, che movimenta le notti torinesi per tutta l'estate, il Festival presenterà tre produzioni originali e quattro esclusive. Si esibiranno a Torino, come unica data italiana, Manu Katché (22 agosto), Roberto Gatto Perfect Trio e Valerio Mastandrea (23 agosto), Souad Asla (24 agosto), Marc Ducret Metatonal (28 agosto). Sono produzioni originali del Festival i concerti di Cafiso / Cigalini / Davis (26 agosto) e il già tutto esaurito (almeno online) Paolo Fresu & Daniele Di Bonaventura+Cbs Trio (27 agosto), Gianni Coscia/Enrico Rava (29 agosto). Completano il cartellone Antonio Farao' Trio (25 agosto), Daniele Sepe - Special Guests Hamid Drake e Roy Paci (domenica 30 agosto), quest'ultimo concerto in collaborazione con Moncalieri Jazz Festival.

"Il jazz è vivo e gode ancora di buona salute" commenta uno dei direttori, Diego Borotti. L'altro, Giorgio Li Calzi, racconta come quest'edizione sui generis del Torino Jazz Festival sia nata: "Un evento culturale dev'essere in grado di ricollocarsi all'occorrenza e riaprire le porte a una comunità in attesa di risposte. Il TJF sarà caratterizzato da due momenti, il primo ad agosto, affinché il pubblico possa tornare subito ai concerti e, il secondo a ottobre in appoggio alla comunità dei musicisti, dei jazz club, degli operatori e del pubblico. Questo primo programma parte dai musicisti italiani, da artisti di Paesi confinanti, senza dimenticare dove suoneremo, a Porta Palazzo, a ridosso del più grande mercato multietnico d'Europa. E infine le produzioni originali, concerti unici con eccellenti musicisti del nostro territorio insieme a grossi nomi del jazz e della cultura italiana".

I biglietti costano 10 euro, ridotti 5 euro per under18, over65 e studenti universitari; sono previsti diversi tipi di abbonamento : 4 ingressi, 28 euro; 6 ingressi, 42,00 euro; 8 ingressi, 56,00 euro, escluse le commissioni. I biglietti sono in vendita oltre che su www.teatrostabiletorino.it e www.vivaticket.it, anche al Teatro Carignano, in piazza Carignano 6 (ore 13-19, chiuso dal 10 al 16 agosto), tel. 011 5169555 o 011 5169484 - numero verde 800 235 333. Tutte le info su http://www.torinojazzfestival.it/


Commenti