La Grande Invasione chiude agosto a Ivrea

Ce la faremo quest'autunno, a tornare a una vita di relazioni come quella prima del coronavirus? Non lo sappiamo, ma quello che è certo, ed è quello che mi piace, è che nessuno si sta arrendendo e tante manifestazioni culturali sono sulla rampa di lancio, con formule che coniugano la voglia di cultura e di condivisione con la necessità di rispettare il distanziamento sociale, per evitare i contagi.

La Grande Invasione 2020

Alcuni eventi sono la versione autunnale di storiche manifestazioni primaverili: il Torino Jazz Festival, in genere tra aprile e maggio, è già in corso, fino al 30 di agosto ( e poi tornerà dal 2 all'11 ottobre), la prossima manifestazione a partire sarà La grande invasione, a Ivrea. Dal 28 al 30 agosto 2020, il Festival della lettura porterà nella cittadina del Canavese "5 mostre, 5 ospiti stranieri, 9 esordienti". "Immancabile la tradizionale lettura delle pagine culturali del mattino Colazione e giornali, con le notizie del giorno commentate dagli ospiti Darwin Pastorin (28 agosto, con un omaggio a Gianni Mura, più volte ospite del festival), Simonetta Sciandivasci e Nadia Terranova (29 agosto) e Francesco Costa (30 agosto)" anticipa il comunicato stampa. Tra gli autori stranieri invitati, la poetessa indiana Tishani Doshi, con Giorni e notti fatti di piccole cose (Feltrinelli, 2020), il britannico Tibor Fischer, con La gang del pensiero, il saggista tedesco Thomas Girst con Tutto il tempo del mondo e l'irlandese Anne Griffin, che presenterà Quando tutto è detto con Martina Testa. Valeria Parrella e Gian Luca Favetto sranno i protagonisti dei reading, rispettivamente sabato 29 e domenica 30, mentre le letture tratte da Il nome della rosa di Umberto Eco e Vita e destino di Vasilij Grossman conteranno su Tommaso Ragno, che ha già prestato la sua voce per la realizzazione gli audiolibri tratti dai due romanzi

Case editrici ospiti, Feltrinelli e Atlantide, con la presenza dei loro direttori editoriali, Gianluca Foglia e Simone Caltabellota. Spazio anche a nove giovani autori, che hanno esordito negli ultimi mesi: Silvia Bottani, Elena Giorgiana Mirabelli, Remo Rapino, Valentina Maini, Costanza Rizzacasa D'Orsogna, Sarah Savioli, Mattia Insolia, Laura Mancini e Ilenia Zedda. La Grande Invasione si concluderà con l'intervista di Maurizo Blatto al cantautore Francesco Motta, un evento in cui le parole si alterneranno alla musica.

Per tutta la durata della manifestazione, ben cinque mostre aperte in diversi spazi eporediesi: il Museo Civico Garda (piazza Ottinetti) ospiterà DRY di Joey Guidone; LB Studio (corso Cavour 11) proporrà Favolando, con le illustrazioni di Laura Barella; alla Galleria del Libro (via Palestro 70) ci sarà L'oceano di mezzo, con gli acquarelli di Nicola Magrin ; al Mama B (via Bertinatti 7) l'esposizione Chronicles from the red zone dell'illustratore Emiliano Ponzi; la Sala Santa Marta (piazza Santa Marta), infine, ospiterà Frammenti. Di come ho rotto tutto di Livia Massaccesi.

Sulle misure prese per evitare il contagio da covid-19, nella brochure del programma de La grande invasione si legge che "tutti gli eventi si terranno con le opportune distanze di sicurezza, con gli ingressi contingentati e con le capienze degli spazi ridotte in base al DPCM. Le aree degli eventi verranno sanificate dopo ogni incontro. All'ingresso degli eventi, degli uffici e della sala stampa a tutti verrà presa la temperatura corporea che dovrà essere inferiore ai 37,4°C. Ogni area sarà allestita con un palco su cui siederanno non più di 4 persone. I microfoni saranno sanificati e coperti con spugne usa e getta sostituite a ogni cambio di ospite. Il pubblico siederà su sedie con il giusto distanziamento. Tutti i presenti nell'area – pubblico, staff, collaboratori, volontari, ospiti – dovranno indossare mascherine anche nelle strade di accesso ai luoghi degli eventi, i soli ospiti le potranno rimuovere per la permanenza sul palco. In ogni luogo del festival verranno messi a disposizione disinfettanti per le mani. Il firmacopie verrà organizzato senza il contatto diretto col pubblico".

I biglietti delle lezioni e dei reading costano 5 euro e sono in vendita nella Galleria del Libro di Ivrea o al numero 0125641212. Gli altri eventi sono a ingresso libero fino a esaurimento posti. Tutte le info su www.lagrandeinvasione.it.


Commenti