Incontri da non perdere, al Festival del Classico

Libertà e Schiavitù è il tema del Festival del Classico, a Torino dal 2 al 5 dicembre 2021, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, e in diverse altre sedi sparse per la città. Alla sua quarta edizione, la manifestazione, che usa il pensiero degli antichi per analizzare i fenomeni del presente, offrirà oltre 40 incontri "tra lezioni magistrali, letture, dialoghi, dispute dialettiche e seminari, per riflettere su antiche e nuove disuguaglianze, per mettere a confronto le libertà degli antichi e dei moderni, per dare voce ai classici" anticipa il comunicato stampa. Consideriamo la schiavitù una realtà del mondo antico, quando gli sconfitti diventavano schiavi dei vincitori, quando i padroni avevano potere di vita e di morte sui propri schiavi, avendo il potere di venderli al miglior offerente o di regalare loro la libertà. "La schiavitù nel mondo occidentale è sempre esistita? È ancora presente, al giorno d'oggi, sotto nuove forme? Qual è il risultato della globalizz

5 anni di CAMERA in 5 giorni: la festa per il primo lustro

5 anni di CAMERA raccontati in 5 giorni, dal 30 settembre al 4 ottobre 2020. Il Centro Italiano per la Fotografia, in via delle Rosine 18, ha deciso di festeggiare il suo primo lustro di vita, con mostre, proiezioni, incontri, letture e visite guidate, tutti aperti gratuitamente al pubblico. A dare il via a questi intensi cinque giorni, il 30 settembre, Futures. 2018-2020, l'installazione fotografica che è "un progetto realizzato dai sedici talenti del programma europeo nelle finestre della facciata di CAMERA" spiega il comunicato stampa. Il 1° ottobre, sarà inaugurata la mostra dedicata a Gianni Berengo Gardin, "in collaborazione con l'Associazione Archivio Storico Olivetti seguita da un incontro con il grande maestro"; in serata, Esterno Notte, "un evento partecipato e diffuso sulla città, dove mille e una proiezione di foto e video daranno vita a palazzi, case e cortili". (giovedì 1 ottobre). Il 2 ottobre è prevista l'intervista al fotografo Paolo Pellegrin, mentre nel weekend letture portfolio a cura di FIAF e le visite guidate alla mostra Paolo Ventura. Carousel, insieme all'artista e alla co-curatrice chiudono i festeggiamenti.

5 anni in 5 giorni

5 anni in 5 giorni permette anche di fare un bilancio delle attività di CAMERA, diventata punto di riferimento per gli appassionati di fotografia sia per le mostre che propone sia per gli incontri che offre. In 5 anni di attività, sotto la guida di Lorenza Bravetta prima e di Walter Guadagnini poi, CAMERA ha organizzato ben 40 mostre, dedicate a personalità come Ai Weiwei, Mario Cresci, Erik Kessels, Carlo Mollino, Sandy Skoglund, Man Ray, e a diversi argomenti e filoni di analisi come Paparazzi, L'Italia di Magnum, Camera Pop, l'Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo la collezione Bertero. I giovedì di CAMERA hanno dato l'opportunità di ascoltare oltre 160 fotografi, scrittori, giornalisti e curatori come Olivo Barbieri, Gianni Berengo Gardin, Luca Bigazzi, Franco Fontana, Alison Jackson, Francesco Jodice, Rinko Kawauchi, Erik Kessels, Susan Meiselas, Sohei Nishino, Paolo Pellegrin, Mark Power, Ferdinando Scianna, Sandy Skoglund, Luca Beatrice, Mario Calabresi, Aldo Grasso, Elio Grazioli. 120 dibattiti, corsi, workshop, eventi, hanno coinvolto oltre 220mila visitatori. Una festa, quella della prossima settimana, ben meritata.


Commenti