Capa in color ai Musei Reali: così arrivò il colore nelle foto del grande Robert

Ai Musei Reali apre da domani, 26 settembre 2020, la mostra Capa in color, che chiuderà il 31 gennaio 2021 e che merita una visita per diverse ragioni. La prima riguarda il coronavirus, che ha bloccato le attività culturali per tutta la primavera: Torino prova a ripartire con l'inaugurazione di diverse mostre, in questi giorni, tutte molto attente a garantire la sicurezza dei visitatori e tutte con contenuto di grande interesse. Non si può non dare un segnale di sostegno al ritorno degli eventi culturali. Questa non è la solita mostra su uno dei fotografi più visti del Novecento (si è chiusa pochi mesi fa la mostra che CAMERA aveva dedicato al fotografo statunitense): nelle Sale Chiablese, i Musei Reali ambiscono a presentare un aspetto meno noto della sua carriera, ovvero "il particolare approccio di Robert Capa verso i nuovi mezzi fotografici e la sua straordinaria capacità di integrare il colore nei lavori da fotoreporter, realizzati tra gli anni ‘40 e '50 del Novecento".

Capa in color ai Musei Reali di Torino Capa in color ai Musei Reali di Torino

L'interesse per il colore ha accompagnato Capa in tutta la sua parabola proessionale, il comunicato stampa ricorda che nel 1938, "trovandosi in Cina per documentare la guerra sino-giapponese in un reportage durato otto mesi, Capa scrisse a un amico della sua agenzia di New York: 'Spediscimi immediatamente 12 rulli di Kodachrome con tutte le istruzioni su come usarli, filtri, etc… in breve, tutto ciò che dovrei sapere, perché ho un'idea per Life'. Sebbene di quel servizio siano sopravvissute soltanto fotografie in bianco e nero, ad eccezione di quattro immagini pubblicate sulla rivista Life il 17 ottobre 1938, la lettera esprime il chiaro interesse di Capa per i lavori con pellicole a colori, ben prima che venissero largamente impiegate da molti altri fotoreporter".

Se è diventato famoso per i reportage di guerra in bianco e nero, sin dagli anni '30, durante la Guerra Civile spagnola, Capa iniziò a usare il colore per fotografare le celebrities dell'epoca, da Ernest Hemingway nella sua casa nell'Idaho a Ingrid Bergman sul set di Viaggio in Italia di Roberto Rossellini, da John Huston nel film Moulin Rouge a Pablo Picasso in spiaggia con il figlio Claude. Dopo la Seconda Guerra Mondiale anche i suoi reportage, per raccontare stavolta la vita quotidiana delle persone, furono prevalentemente a colori. La sua abilità, "abbinata alla capacità di raccontare le emozioni umane dimostrata nelle prime fotografie in bianco e nero, gli permise di muoversi tra i diversi tipi di pellicola, impiegando il colore a completamento dei soggetti fotografati. Tra questi primi lavori si trovano le fotografie della Piazza Rossa di Mosca, realizzate durante un viaggio in URSS nel 1947 con lo scrittore John Steinbeck e la vita dei primi coloni in Israele nel 1949-50. Per il progetto Generazione X, Capa si recò a Oslo, a Essen, nel nord della Norvegia e a Parigi per catturare la vita e i sogni delle giovani generazioni nate prima della guerra".

Capa in color ai Musei Reali di Torino Capa in color ai Musei Reali di Torino

Un mondo nuovo che sta nascendo, un fotografo che non si stanca di raccontarlo con il linguaggio più immediato di tutti, l'immagine, un viaggio affascinante in tutto quello che compone un'epoca: i luoghi, le persone, le abitudini, la gente comune, i personaggi famosi. Tutte icone di un tempo perduto, che Robert Capa ha reso immortale, anche con l'uso saggio del colore.

Capa in color è nelle Sale Chiablese dei Musei Reali, in piazzetta Reale, dal 26 settembre 2020 al 31 gennaio 2021. L'orario di apertura è martedì-venerdì ore 10-19, sabato-domenica ore 10-21. Biglietto intero 13 euro, ridotto 10 euro (over 65), 5 euro (11-18 anni compiuti); pacchetto famiglia 2 adulti 10 euro a testa e ogni ragazzo tra 11-18 anni 5 euro a testa; gratuito per i possessori delle tessere Abbonamento Piemonte Musei e Torino Card, per under 10 anni; i biglietti sono in vendita anche sul sito www.capaincolor.it.


Commenti