Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Un pranzo estivo da Etikø, fresco e gradevole

È successo a luglio: una festa importante da celebrare in famiglia e la necessità di farlo in centro. Così siamo andati a pranzo da Etikø, bistrot di via Juvarra 13, all'angolo con corso Palestro, che conoscevamo già e che ci aveva lasciato bei ricordi. Mi è capitato di andarci diverse volte e non sono mai rimasta delusa. Non è successo neanche questa volta, anzi, il gazpacho di melone è uno dei miei migliori ricordi estivi e sento il suo sapore fresco e dolce ancora in bocca.

Pranzo da Etiko Torino Pranzo da Etiko Torino

Il pranzo è stato di ingredienti estivi, fresco e saporito, all'interno della grande sala di Etiko, il cui arredamento, curato dall'architetto Alex Cepernich e formato in larga parte da elementi di recupero, non smette mai di affascinarmi. Come già anticipato, il mio antipasto è stato un gazpacho di melone con primosale e conserva di pesche; il melone, oltre a formare il gazpacho, è stato tagliato in modo originale, con un'affettatrice, per cui si poteva assaporare nelle diverse consistenze, come una purea o come una sottilissima fetta, mescolati al primosale, vero contrappunto alla sua dolcezza. Un piatto che non ho dimenticato!

L'antipasto di alcuni commensali è stato un carpaccio di zucchine con mousse di ricotta e barbabietole, anche qui un mix di sapori equilibrato, un piatto estivo e fresco e un impiattamento che ha dato il giusto valore alla mescola dei colori. Come primo piatto, un risotto al castelmagno e limone, che ho particolarmente amato proprio per il rapporto tra castelmagno e limone. Per uno dei commensali, i ravioli ripieni di baccalà con maionese di zucchine e pomodori, che sono stati molto apprezzati.

Pranzo da Etiko Torino Pranzo da Etiko Torino

Un pranzo familiare, di chiacchiere e risate, reso piacevole da questi piatti con ingredienti di stagione, a km 0 e di filiera rintracciabile, e da un servizio al tavolo efficace: i ragazzi di Etikø sono sempre solerti e gentili, pronti a soddisfare le curiosità e a portare in tempi rapidi una bottiglia d'acqua o il pane. Sempre bello ritornarci, sempre bello raccontare queste realtà torinesi, che dimostrano come l'impegno sociale possa produrre valore e piccole eccellenze.


Commenti