Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

XVII Giornata del Trekking Urbano: due passeggiate a Torino e una a Ivrea

Torino e Ivrea parteciperanno alla XVII Giornata Nazionale del Trekking Urbano, sabato 31 ottobre 2020, con tre itinerari, due nel capoluogo piemontese, uno nella cittadina del Canavese, che invitano a vivere il fascino delle passeggiate urbane in queste giornate dorate d'autunno.


Il primo itinerario, annuncia Turismo Torino, è di circa 3 km, per una durata di due ore e mezza, all'interno del Parco del Valentino, "un percorso storico – naturalistico, alla scoperta della storia e della ricca vegetazione del Parco, che si distingue particolarmente per il patrimonio naturalistico, con una flora molto diversificata fatta di platani monumentali e grandi piante 'esotiche'. La partenza è alle ore 10.00 e 14.30 dal Castello del Valentino con prenotazione obbligatoria sul sito di Turismo Torino e Provincia o al numero di telefono 011 535181. Il secondo itinerario, circa 4,5 km per due ore di passeggiata, parte da piazza Vittorio Veneto, attraversa il Po per raggiungere i giardini di villa della Regina e per poi salire al Monte dei Cappuccini "da cui si gode del più bel panorama sulla città". Quindi "si scende verso corso Moncalieri e si percorre il lungo Po sul sentiero che costeggia il fiume, da cui si può godere di un affaccio sul parco del Valentino. Dopo aver attraversato il ponte si rientra verso piazza Vittorio Veneto percorrendo e raccontando la zona dei Murazzi". Partenza alle ore 10.00 e 14.00 da piazza Vittorio Veneto, 2 con prenotazione obbligatoria sul sito di Turismo Torino e Provincia o al numero di telefono 011 535181.

A Ivrea, la passeggiata si muoverà tra la città antica e contemporanea, per 4 km di passeggiata e 3 ore di durata. "Da piazza Ottinetti, polo culturale della città, percorrendo un breve tratto di Via Francigena, si raggiungono i Giardini Giusiana, polmone verde del centro. Attraversando lo storico Naviglio, a passo lento lungo il fiume Dora Baltea, molto ambito dagli amanti della canoa, si giunge al sito Patrimonio Mondiale UNESCO "Ivrea, città industriale del XX secolo", per scoprire, attraverso il racconto della cultura Olivettiana, la nuova vita degli spazi un tempo dedicati alla fabbrica e ai servizi sociali. Si ritorna quindi verso il centro storico dal Ponte Vecchio, per secoli unico passaggio sul fiume. Dopo aver percorso un tratto dell’antica via centrale e ammirato la città dall’alto della piazza del Castello, il trekking termina nella piazza del Municipio. La partenza è alle ore 10.00 e 15.00 dall'Ufficio del Turismo di Turismo Torino e Provincia in piazza Ottinetti con prenotazione obbligatoria sul sito di Turismo Torino e Provincia o al numero di telefono 0125 618131.

Le iscrizioni entro il 30 ottobre alle ore 13. All'iniziativa, collaborano le guide turistiche dell'Associazione di Categoria GIA e di Federagit. 


Commenti