Settimana dell'Arte Contemporanea di Torino, online e in presenza

[AGGIORNAMENTO, con il DPCM del 4 novembre 2020 e il Piemonte in zona rossa, tutti gli eventi in presenza sono stati cancellati]

Inizia la prima settimana di novembre, che Torino dedica tradizionalmente alle Arti Contemporanee e che quest'anno si vivrà in modo diverso, in alcuni casi prevalentemente online, in altri in forma ibrida o con, comunque, nuove modalità di fruizione, per ovvie ragioni. Qui un breve vademecum su dove e come vivere le principali manifestazioni legati alla Settimana dell'Arte Contemporanea di Torino.

Luci d'Artista Piccoli spiriti blu
Luci d'Artista - Rebecca Horn, Piccoli spiriti blu al Monte dei Cappuccini

Luci d'Artista
Inaugurate il 30 ottobre, le luminarie d'autore illuminano il centro storico e gli altri quartieri con ben 26 opere, 12 in centro e 12 sparse nel territorio cittadino.

Artissima
La principale fiera italiana dell'arte contemporanea ha rinunciato all'esposizione in presenza all'Oval del Lingotto sin da settembre, preferendo una versione ibrida, tra mostre ospitate da Palazzo Madama, GAM, MAO (il tema comune è Stasi frenetica, analizzato con la collaborazione delle gallerie selezionate per Artissima 2020, dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021) e la piattaforma cross-mediale online Artissima XYZ, in cui, dal 3 novembre al 9 dicembre 2020 si potranno vivere le tradizionali sezioni della rassegna, Present Future e Back to the Future. Nei Musei, si osserveranno tutte le misure di sicurezza richieste per evitare il contagio da coronavirus. Info su artissima.art.

Paratissima
Di nuovo nell'ex Accademia Artiglieria di Torino in piazzetta Accademia Militare 3 (dietro piazza Castello), Paratissima presenta dal 23 ottobre 2020 il lavoro di artisti indipendenti e gallerie d'arte in una lunga rassegna che chiuderà l'8 dicembre 2020. Un modo per garantire visite senza assembramenti e di godere con calma delle proposte. Tra gli appuntamenti in programma, Rebirthing – Art to restart (13-22 novembre), Ph.ocus – About photography (27 novembre -8 dicembre 2020). Quattro i progetti espositivi collaterali L'Immortalità, personale di Lorenzo Puglisi; Scorie Microcosmiche di Eleonora Gugliotta, che ridisegna con i suoi fili scultorei gli spazi abbandonati dell'ARTiglieria; Think Big, il progetto espositivo dedicato a grandi opere d'arte; Blooming Playground, il campo da basket nella corte interna interpretato come un rigoglioso giardino fiorito dallo street artist Tellas. I biglietti si acquistano online. Info su paratissima.it

Flashback
Flashback, fiera che si muove abilmente tra presente e passato, diventa quest'anno diffusa sul territorio. Le gallerie torinesi partecipanti, hanno infatti offerto di ospitare nelle loro sedi le opere delle gallerie provenienti da fuori Torino. Ludens, il filo conduttore, si riferisce "alla capacità di ciascun individuo di riplasmare la realtà attraverso la creatività". Idea immediatamente applicata dalla stessa rassegna, davanti alla pandemia, con una versione ibrida, dal 3 all'8 novembre nelle gallerie di Flashback, come già detto, e dal 3 novembre al 7 marzo 202 su flashback.to.it. Anche nelle gallerie d'arte partecipanti a Flashback, il più stretto rigore per garantire le distanze sociali (mascherina obbligatoria nelle viste). Consigliata la prenotazione, per tutte le info info@flashback.to.it).

The Others
L'altra grande manifestazione della Settimana dell'Arte Contemporanea di Torino, ha annunciato che quest'anno non avrà luogo, ma terrà aperto dal 6 all'8 novembre il Padiglione 3 di Torino Esposizioni, che avrebbe dovuto ospitarla. The Others allestirà anche un grande cubo graficizzato con la storia dell'edificio, oggi abbandonato e in cerca di destinazione d'uso. Sul cubo, anche l'invito ai visitatori a esprimere la loro preferenza sulla destinazione futura del Padiglione. Ingresso gratuito dalle ore 11 alle 18, con prenotazione online sul sito di The Others, è accessibile anche ai disabili accompagnati.


Commenti