Un menù autunnale a filiera cortissima e autoprodotta, la svolta di Affini

Un menù autunnale che è risultato di un progetto bello e ambizioso, pensato avendo l'Agenda 2030 dell'ONU come direzione. Il Gruppo Affini svolta verso il controllo della filiera produttiva, sempre più corta, così da rispondere in modo concreto alle esigenze di sostenibilità, più urgenti da dopo il lockdown. Da Green Pea, dove il suo terzo locale (gli altri due sono a San Salvario ea Porta Palazzo) sta per festeggiare un anno di apertura, Davide Pinto spiega come il periodo di chiusura sia stato utilizzato per lo studio e le sperimentazioni: "Il delivery ci ha annoiato subito, sapevamo che non era la nostra soluzione" ha spiegato. Così, durante la pausa delle attività, insieme al suo team, (l'aromatiere e distillatore Alfedo La Cava e il bar manager Michele Marzella in primis ), si è dedicato alla ricerca di nuovi metodi di produzione, con cui sono arrivate anche nuove collaborazioni. Artigiani Gentili , questo il nome del progetto, ha una parte legata alle

I 10 articoli più letti del 2020 su Rotta su Torino

 Iniziare il nuovo anno, scoprendo quali sono statigli articoli più letti in Rotta su Torino in quello appena terminato. Può regalare sorprese come questa: scoprire il successo del progetto TorineSÌ, che riprenderà nelle prossime settimane, in nuove vesti, per continuare a raccontare i sì alle sfide e al futuro dette da chi ha in questa città il suo punto di riferimento. 

L'articolo più letto del 2020 è l'intervista a Isabella Giunto, signora del Salotto Buono, nell'ambito di TorineSÌ e con un titolo che è tutto un programma: Sono una guerriera senza zona comfort. Mi piace l'idea che questa guerriera, che ha inventato uno spazio per ricevere come in casa (spero possa riprendere la sua vita e i suoi eventi nelle prossime settimane!), abbia potuto ispirare altre persone e, soprattutto, mi piace l'idea che l'articolo più letto dell'anno sia dedicato a una donna, a una persona creativa che non si è mai arresa e che ha saputo mettersi in gioco mille volte. Un buon auspicio per il 2021. 

Un grande progetto di riqualificazione, che rilancia la periferia nord torinese, è il secondo articolo più letto: la Falchera, con i nuovi insediamenti di social housing, che porteranno nuovi residenti e nuovi negozi, adesso inesistenti, con le nuove infrastrutture per facilitare il collegamento con la città e con il nuovo parco e i suoi laghetti, che richiameranno visitatori da altre aree cittadine, è la protagonista di quest'articolo. A completare il podio, un evergreen: i 5 architetti che hanno segnato la storia dell'architettura torinese, da Guarino Guarini a Roberto Gabetti (scelta difficilissima, ma a quanto apre apprezzata dai lettori). 

E poi, nella top 10, Cosa vedere a Novara, un altro articolo che ha qualche anno ma che continua a piacere, racconti di storia torinese come le leggende sulla reale paternità di re Vittorio Emanuele II, come il Palazzo Richelmy perduto, davanti al Duomo, o sulle mura abbattute da Napoleone, con tutte le conseguenze sull'espansione di Torino. Architettura torinese con il video che racconta 25 verde, primo edificio italiano con gli alberi in facciata, realizzato da Luciano Pia, visto da dentro, e un altro evergreen, la storia del Lingotto, da grande fabbrica di produzione a complesso del terziario dalle mille vite. 

A chiudere questa top 10 dell'anno, di nuovo TorineSÌ, con un'altra donna, anche lei speciale, per aver accettato una sfida importante e per aver aperto una nuova pagina di vita professionale: Marcella Pralormo, che ha detto sì alla direzione della Pinacoteca Agnelli, quando era ancora un'idea dell'Avvocato Gianni Agnelli e di sua moglie Marella, l'ha inventata e le ha dato il ruolo nella vita culturale cittadina che mantiene da anni dalla sua Astronave sul tetto del Lingotto. Si apre e si chiude l'anno con il progetto a cui ho tenuto di più, TorineSÌ, e con due donne speciali. 

Che sia di buon auspicio anche per questo 2021 appena iniziato. 

I 10 articoli più letti del 2020: 

TorineSÌ: Isabella Giunto, sono una guerriera senza zona comfort 

Alla Falchera, un bel progetto di housing sociale genera nuova centralità

5 architetti per la storia dell'architettura di Torino

Un itinerario per una giornata a Novara: cosa fare, cosa vedere

Vittorio Emanuele II era figlio di Carlo Alberto? I dubbi e le leggende

Un video all'interno di 25 Verde, l'edificio giungla di Torino

Quando si stava sotto i portici di Palazzo Richelmy, davanti al Duomo

Storia del Lingotto, simbolo delle trasformazioni di Torino

Quando Napoleone fece abbattere le mura di Torino

TorineSÌ: Marcella Pralormo, il mio gioioso sì nel Guggenheim Museum di Bilbao



Commenti