La notte che verrà, installazione itinerante di luci e suoni per la rinascita della Dora

Un'installazione di luci e suoni che il 28 luglio 2021 dalle ore 22 percorrerà entrambe le rive della Dora, dal Campus Einaudi al Parco Dora, per celebrare il via a 19 progetti che cambieranno il volto ai quartieri che vi si affacciano, migliorando la qualità della vita dei residenti. La notte che verrà , questo il suo nome, " trasporterà, cullata dal fiume, le voci, le lingue e le storie narrate dagli abitanti dei quartieri lungo il suo corso" spiega il comunicato stampa "I ponti di luce, trasportati da veicoli 100% elettrici, si muoveranno lungo gli argini del fiume e andranno a valorizzare, grazie al disegno luminoso, i luoghi simbolo dei quartieri. Sarà una coreografia in movimento che toccherà i ponti Carpanini, Livorno e Washington; che visiterà il Parco Dora, la Biblioteca Italo Calvino, il Campus e Borgo Dora, tutti luoghi simbolo di inclusività e condivisione. Ponti di luce tra le persone che condividono uno spazio sia reale, sia interiore. Al termine del pe

Un viaggio nel Cuneese, con That's Italia

Le città d'arte del Cuneese, tra la grande pianura e le prime Alpi, sono protagoniste del numero di aprile/maggio 2021 di That's Italia, bimestrale dedicato ai viaggi e al turismo. Partendo da Racconigi e dal suo Castello, Patrimonio Mondiale dell'Umanità, insieme alle altre Residenze Sabaude piemontesi, il magazine invita a scoprire la cultura millenaria della Granda, attraverso i suoi musei, i suoi palazzi, le loro storie. Un territorio tra i più eterogenei del Piemonte, che comprende non solo la parte più ampia della Pianura Padana, ma anche le dolci colline delle Langhe e le vette alpine più maestose, che, scendendo verso sud, profumano già di mare. Terra di confine, spesso contesa e invasa, e per questo disseminata di castelli, non solo per il loisir, come quello di Racconigi, ma anche per controllare le valli da cui arrivavano gli invasori. Così That's Italia invita a scoprire i tanti volti dei Castelli della Manta e di Lagnasco e, soprattutto, di Saluzzo, antica capitale del potente Marchesato e oggi cittadina dalle vie acciottolate, dagli scorci sulle Alpi e sulla pianura (nelle giornate più limpide da Casa Cavassa si arriva a vedere la collina di Torino) e dalla Castiglia che fu sede dei temuti Marchesi delle Alpi.

That's Italia Magnificat

Dopo una visita a Fossano e al suo Castello, le piccole, grandi sorprese della provincia: la cupola ellittica in muratura più grande del mondo, nel Santuario di Vicoforte, con visita a piedi nei percorsi segreti usati dalle maestranze, fino alla lanterna; a poca distanza, Mondovì, con il suo Museo della Ceramica e la sua passione per le mongolfiere (qui, ogni anno si tiene il Raduno Aerostatico Internazionale dell'Epifania); i profumi e le essenze del Mùses, a Savigliano, dove il magazine invita a visitare anche la Gipsoteca Davide Calandra, con il suo reperto più prezioso, il calco usato per la realizzazione del fregio dell'Aula del Parlamento di Palazzo Montecitorio; il fascino di Augusta Bagiennorum, una delle più importanti aree archeologiche del Piemonte, che, nei pressi di Bene Vagienna, conserva i resti dell'antica colonia romana. E poi si arriva a Cuneo, il capoluogo, città del verde e dello shopping, non solo lungo i portici di via Roma e di piazza Galimberti, ma anche nel mercato di questa grande piazza, che ogni martedì continua a richiamare l'attenzione anche dalla vicina Francia.

14 pagine di suggerimenti e idee per questi weekend di primavera, che ci invitano a scoprire quanto c'è di bello, a poco meno di due ore da Torino.


Commenti