50 anni di FUORI! e lotte LGTB, in mostra al Polo del '900

Per celebrare i 50 anni dalla nascita del primo movimento per i diritti delle persone omosessuali, FUORI!, il Polo del '900 e il Museo Diffuso della Resistenza (corso Valdocco 4a) hanno preparato la mostra FUORI! 1971 – 2021. 50 anni dalla fondazione del primo movimento omosessuale in Italia , che potrà essere visitata dal 23 settembre al 24 ottobre 2021 (orario martedì-domenica, ore 10-18, ingresso gratuito). Il percorso espositivo ripercorre le tappe salienti e indaga i protagonisti del FUORI!, lungo il decennio 1971-1981, in cui movimento e rivista convissero; emerge, forte, la figura del suo fondatore Angelo Pezzana, presidente della Fondazione Penna/FUORI!, ispiratore dello spirito del Fuori!. Vari focus e approfondimenti fotografano il contesto storico-sociale prima della nascita del movimento italiano, con un ampio spazio alla rete di relazioni con il mondo dell'arte e della letteratura internazionale che Pezzana seppe tessere, avendo come base la libreria Hellas di Tori

Un loft in un cortile di San Salvario, by Officine 8a

Guardando le fotografie sembra un luminoso attico, magari un loft rivisto, ma no: è la ristrutturazione di un basso fabbricato firmata dallo studio torinese Officina 8a Architetti Associati, in un cortile di San Salvario. Un altro piccolo gioiello d'architettura che questi piccoli edifici hanno lasciato alla Torino contemporanea (tra le altre basse costruzioni trasformate in sorprendente abitazione in un cortile è Casa Okumè, per non parlare della casa tra gli aberi di Studioata, Architetture Rivelate 2013, anche lei in un cortile di San Salvario); non bisogna sottovalutare i cortili torinesi, quando di architettura si parla!

Loft Baretti Officina 8a Loft Baretti Officina 8a

Protetta dagli sguardi esterni da un muro rivestito di legno, l'abitazione si sviluppa intorno a un ampio cortile, trattato come se fosse una terrazza. È esposto a sud, circondato da alte piante, con pareti e pavimento rivestiti di legno, sembra uno spazio della casa all'esterno, anche per l'uso dei materiali, che sono praticamente gli stessi. Dietro le ampie vetrate, infatti, il soggiorno e la camera da letto principale, che si affacciano sulla terrazza-cortile, hanno pavimenti in legno, colori chiari e grande luminosità, garantita anche dalla quarta parete, ovvero, il soffitto. Nel soggiorno-cucina, due lucernari (quello sul soggiorno ha un'ampiezza di 2,5 metri!) garantiscono "l'apporto di luce diretta maggiore per una distribuzione più ampia della luce" spiegano da Officina 8a. Ma non solo: danno anche "l'illusione di trovarsi all'ultimo piano di un palazzo".

Loft Baretti Officina 8a Loft Baretti Officina 8a

A definire la cucina, un'isola centrale, rivestita di Marmo Verde Guatemala, elemento tipico dell'architettura torinese (avete presente la Galleria San Federico e gli storici caffè torinesi?), che ritorna anche nel mobile che separa la stessa cucina dal soggiorno. I colori chiari, l'uso anche decorativo del legno, la luminosità regalano un'eleganza leggera e atemporale. La leggerezza è accentuata dall'uso del vetro nella camera da letto. Non solo le ampie vetrate verso la terrazza-cortile, ma anche nella divisione interna, che lascia visibile la vasca per il relax prima della notte e che nasconde alla vista gli elementi più intimi del bagno. Oltre alle ampie vetrate, anche le pareti scorrevoli a tutta altezza, le aperture, rendono fluidi i passaggi da un ambiente all'altro, dall'interno all'esterno, tutto sempre visibile, leggero ed elegante.

Loft Baretti Officina 8a Loft Baretti Officina 8a

Bella anche la presenza delle piante, un elemento tipico dei progetti di Officina 8a, che non immaginano l'architettura senza verde, anche per gli effetti benefici sull'umore e sulla qualità della vita. Poi, appena aperta la porta, c'è fuori il cuore di un isolato antico e, oltre il portone, la vitalità di San Salvario.

Loft Baretti Officina 8a Loft Baretti Officina 8a

Foto di Sabrina Gazzola.


Commenti