Le collezioni di Le Corbusier, alla Pinacoteca Agnelli

Alla Pinacoteca Agnelli, una mostra che parla di collezionismo, il filo conduttore del Museo sul tetto del Lingotto, tutta dedicata a Le Corbusier, uno degli architetti più importanti del Novecento. Realizzata con la collaborazione della Fondation Le Corbusier, Le Corbusier. Viaggi, oggetti e collezioni porta a Torino numerosi oggetti scoperti nell'appartamento parigino di Rue Nungesser et Coli e restaurati dalla Fondazione. C'è davvero di tutto, dalle pipe e gli occhiali che aprono il percorso espositivo ai bozzetti di residenze e di automobili. (e qui un'annotazione del tutto personale, che colpo al cuore, Ville Savoye, dopo tutto il tempo dedicatole ai tempi di Architettura!) Uno dei sogni più grandi dell'architetto svizzero era disegnare auto e qui la mostra offre un piccolo excursus dedicato al rapporto tra Le Corbusier e Torino, con documenti inediti.

Le Corbusier Pinacoteca Agnelli Le Corbusier Pinacoteca Agnelli

"La prima visita ne 1902, quando, secondo alcune fonti, l'architetto, quindicenne, partecipa all'Esposizione Universale con un orologio in argento, acciaio e rame" scrive il pannello informativo all'ingresso della mostra "Le Corbusier raggiunge Torino nel giugno 1934, quando visita il Lingotto a bordo di una FIAT 508S Balilla Sport. La visita sarà per lui un'esperienza fondamentale e un riferimento per i progetti successivi. Nel 1936 l'architetto prende nuovamente contatto con il Senatore Agnelli, presentando il suo progetto d una "Voiture Minimum", ideata per il concorso della Societé des Ingénieurs de l'Auotomobile. Infine, nel maggio 1961, Le Corbusier torna a Torino per le celebrazioni dedicate al centenario dell'Unità d'Italia e per il congresso organizzato dall'ICOM, dove tiene una conferenza molto seguita, sulla sua idea di museo ideale".

Le Corbusier Pinacoteca Agnelli Le Corbusier Pinacoteca Agnelli

Ci si muove nel mondo interiore di un uomo eclettico, pieno di interessi e di curiosità, fino ad arrivare al cuore della mostra, che è poi l'ultima sala. Qui si entra davvero tra le inquietudini di Le Corbusier, capace di collezionare qualunque cosa e trarre ispirazione da oggetti, viaggi, animali (il carapace del granchio esposto in mostra ha ispirato il tetto della Cattedrale di Ronchamp!). Biglietti di viaggi, cartoline, dépliant, sculture, minerali, conchiglie, ceramiche... Una sala emozionante, che spiega quanto di un uomo rivelano le sue collezioni private.

Le Corbusier. Viaggi, oggetti e collezioni è alla Pinacoteca Agnelli, in via Nizza 230/103, fino al 5 settembre 2021. L'orario di apertura è martedì-doenica ore 10-19, lunedì chiuso; a causa delle restrizioni imposte per l'emergenza covid-19, la prenotazione è fortemente consigliata, ma non obbligatoria. Il biglietto intero, che comprende la mostra e la Collezione Agnelli, costa 12 euro; ridotto 10 euro (over 65), 4 euro (scuole, ragazzi 6-16 anni, da martedì a venerdì); gratuito per gli under 6 anni (non nei weekend) e per i possessori delle tessere Abbonamento Musei e Torino+Piemonte Card.


Commenti