Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

Isabella Giunto: dal Salotto Buono a Paint up, il lockdown come opportunità

Crisi, lo abbiamo imparato tutti in questi mesi, arriva dal greco antico, lingua in cui aveva un doppio significato, non solo crisi nella nostra attuale accezione, ma anche opportunità. E il lungo lockdown è diventato un'opportunità di nuova vita e nuove sfide professionali per Isabella Giunto, guerriera senza zona comfort, che, come un'Araba Fenice, rinasce con un sorriso dalle difficoltà. Dama del Salotto Buono, un luogo di eventi arredato come una casa in cui ricevere con gentilezza ed eleganza, ha dovuto chiudere la sua attività durante il lockdown, ma non si è fatta fermare e ha approfittato dei mesi di restrizioni per concentarsi su Paint up, le tinte per le pareti di casa che le hanno offerto nuovi orizzonti.

Isabella Giunto Paint up Isabella Giunto Paint up

- Come è andata Isabella, dopo la chiusura del Salotto?
Quando hanno annunciato il lockdown ho avuto una profonda crisi: il Salotto Buono era una start up, non aveva neanche due anni di vita, stava iniziando a consolidare il suo successo, avevo richieste per replicare il format in altre città italiane e all'estero. Con la chiusura mi sono trovata ad affrontare difficoltà enormi: non sapevo come pagare almeno le spese, volevo liberarmene in tutti i modi, ero davvero affranta, con il senso di angoscia moltiplicato dalle limitazioni imposte dalla chiusura in casa. Poi, superato questo stato d'animo, ho iniziato a pensare e ho deciso di sviluppare il progetto di Paint up: avevo lanciato le tinte del Salotto Buono il 25 gennaio, poco più di un mese prima del lockdown, non c'era stato il tempo di farle conoscere adeguatamente. Così ho iniziato a fare fotografie ad hoc per Instagram e, inaspettatamente, ho venduto tante cartelle dei colori delle pitture. Più ne vendevo, più chi le riceveva ne parlava. Il 4 giugno 2020 ho ricevuto la prima richiesta di consulenza e da lì ho capito che poteva essere il mio futuro professionale; a settembre il Salotto Buono ha riaperto e ha ospitato undici eventi, prima della nuova chiusura, a ottobre. Ed è stato allora che ho deciso di dedicarmi completamente a Paint up: a marzo nel Salotto ho aperto il paint up store ed è iniziata la mia nuova vita professionale, che mi sta dando l'opportunità di occuparmi di interior, una delle mie grandi passioni, e della casa, vista come luogo accogliente, in cui sentirsi liberi, "a casa".

- Le Paint up sono state lanciate come le tinte del Salotto Buono
Sì, le ho volute perché volevo un prodotto del Salotto Buono, una sorta di merchandasing legato ai valori e ai colori del Salotto. La casa come luogo accogliente, per l'appunto, con tinte morbide, calde, anche insolite, facilmente gestibili. Instagram mi ha aiutato molto a farle conoscere e a creare i primi contatti; di lì sono arrivate le prime offerte professionali e adesso seguo case in Lombardia e in Liguria, non mi sono più fermata. E sono davvero molto contenta, perché ho tante idee che mi piacerebbe sviluppare, nuovi prodotti, sempre legati alla casa e al "sentirsi a casa".

- Una delle prime idee, appena presentate, sono le carte da parati, anch'esse del Salotto Buono
Le carte da parati sono quindici, le ho ideate con i colori del salotto buono grazie a una collaborazione con Sissiotto Style. L'anno scorso ho lavorato con Simona e abbiamo parlato di questo progetto, così lei, basandosi sui colori di Paint up, ha preso soggetti, li ha specchiati diverse volte e sono venute fuori le grafiche delle carta da parati.

Isabella Giunto Paint up Isabella Giunto Paint up

- Sono carte da parati bellissime, dalla forte personalità, bisogna avere una bella idea di casa per utilizzarle
Danno molto carattere all'ambiente, è il loro scopo. Credo si debba avere sempre una personalità per osare e una precisa idea di casa; ho scelto le grafiche in base alla mia idea di accoglienza, di calore, di stare bene, ma anche in base ai colori di Paint up, affinché fossero facilmente abbinabili non solo alle tinte delle pareti, ma anche all'arredamento. Sono fiera del risultato, alcuni architetti mi hanno fatto i complimenti perché finalmente ci sono carte da parati diverse dal solito.

- Il Salotto Buono in tutto questo?
In questo momento il Salotto Buono è in stand-by, potrà riaprire e dare nuove opportunità? Non lo so, ma adesso lo ringrazio perché mi ha aperto nuovi orizzonti e perché senza di lui non avrei avuto Paint up e questa nuova vita professionale.

- La crisi come opportunità, Isabella
Sempre, nella vita e nel dolore possono sempre presentarsi nuove opportunità, ne sono convinta. E se, come me, sei abituata a dovertela cavare da sola, è normale doversi rialzare. Non ho mai avuto una rete di protezione, una comfort zone in cui rifugiarmi, mi sono sempre dovuta rimboccare le maniche, l'ho fatto anche questa volta e sono felice di queste nuove occasioni.

Isabella Giunto non lo dice, lo dico io per lei: la signora del Salotto Buono, adesso anche consulente per il restyling di case calde, eleganti e accoglienti, ha 61 anni. Ragazze e ragazzi di ogni età, non esistono limiti, se ci sono idee e passione, ed è sempre bello tornare al Salotto Buono adesso Paint up store, con le sue cartelle colori e le sue carte da parati, e parlarne con questa guerriera di aspetto gentile.

Tutte le foto, dal profilo Instagram di Paint up


Commenti