Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

A Torino Esposizioni, la prima Biblioteca Mondiale del Design

Sarà Torino Esposizioni a ospitare la World Design Library, "prima biblioteca pubblica di riferimento nazionale e internazionale per l'approfondimento, lo studio e la ricerca nel campo del design e della sostenibilità ambientale". Lo ha annunciato la Città di Torino, la World Design Organization e il Politecnico di Torino. Nella struttura di Pier Luigi Nervi, che dovrebbe ospitare anche la nuova Biblioteca Civica Centrale torinese, troveranno posto, "in un unico luogo fisico e digitale la cultura e il patrimonio documentario del design dando così vita a uno spazio e a una piattaforma destinati allo studio, alla divulgazione e alla ricerca per coloro che operano nel settore, oltre che a un luogo di conoscenza della cultura del design accessibile a tutti" spiega il comunicato stampa. I lavori per la riqualificazione del complesso, oggi sostanzialmente abbandonato, inizieranno nel 2024.

Torino Esposizioni Torino Esposizioni

La Biblioteca Mondiale del Design è una delle eredità lasciate da Torino Capitale Mondiale del Design 2008 e ha l'obiettivo di "valorizzare attraverso la conservazione e la catalogazione di disegni, schizzi, modelli, prototipi, brevetti, libri, lettere, riviste, manifesti, foto e audiovisivi provenienti dai patrimoni librari e archivistici della Città e del Politecnico, da aziende, professionisti e studi professionali". Un'attenzione al design che non tradisce la storia torinese: il disegno delle auto, la mobilità e la sostenibilità ambientale saranno i temi principali della raccolta documentaria, messa a disposizione " attraverso il catalogo delle Biblioteche Civiche Torinesi, diventando un'importante fonte progettuale e formativa per gli studenti universitari, i ricercatori, i professionisti e gli appassionati di design".

La Biblioteca Mondiale del Design torinese sarà la prima della rete di Biblioteche fondate nelle città che sono state Capitali Mondiali del Design: nella lista ci sono Seoul Helsinki, Città del Capo, Taipei, Città del Messico, Lille. E sarà bellissima la sua sede, il Palazzo delle Esposizioni, realizzato negli anni 50 e adesso in attesa di essere trasformato in Biblioteca. Sotto la sua magnifica volta è già da adesso facilissimo immaginare i futuri ricercatori del design. Finalmente una destinazione all'altezza della sua architettura, per questo complesso che è stato per troppo tempo in cerca d'autore.

Quanto il progetto sia importante è testimoniato dal ruolo del design nell'innovazione e nell'economia: "Secondo il rapporto Design Economy 2020, realizzato da Fondazione Symbola e Deloitte, il settore del design in Europa conferma il suo ruolo strategico come motore dell'innovazione. L'Italia si colloca prima in Europa, davanti a Germania e Francia, con quasi 34.000 mila imprese del settore che costituiscono il 15,5% dell'intero sistema del design europeo con un totale di 64.551 occupati, di cui il 7,6% a Torino. Nel capoluogo e, in generale, in tutto il Piemonte è infatti presente un sistema di imprese che produce o utilizza contenuti di design per accrescere il valore economico dei prodotti immessi sul mercato, in grado di attirare professionisti e studenti da tutto il mondo".


Commenti