Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

Vita privata di un re, nuovo percorso al Castello di Racconigi

Da qualche tempo il Castello di Racconigi (CN) ha intrapreso un lavoro di valorizzazione dei tesori artistici e culturali che custodisce che lo hanno reso una delle residenze sabaude da non perdere di vista, alle porte di Torino (con la linea 7 del Sistema Ferroviario Metropolitano si raggiunge in poco meno di mezz'ora da Porta Susa e circa un quarto d'ora di piacevole passeggiata a piedi a Racconigi).

Bagni di Carlo Alberto Castello Racconigi Biblioteca di Cralo Alberto Castello Racconigi

L'ultima operazione è l'apertura di un nuovo percorso, Vita privata di un re, che porta in sale generalmente chiuse al pubblico per scoprire re Carlo Alberto nelle stanze in cui si muoveva quotidianamente. Tra questi spazi opportunamente restaurati, ci sono la sua Biblioteca e i suoi Bagni; questi ultimi, di gusto neoclassico, contano su una raffinata illuminazione, che sottolinea gli affreschi colorati, la possente vasca usata dal re, i pavimenti in marmo. La Biblioteca, i cui volumi sono stati catalogati, con la digitalizzazione di quelli più interessanti, mostra le inquietudini del sovrano sabaudo, che a Racconigi poteva essere finalmente se stesso e dare sfogo ai propri interessi e alle proprie esigenze riformiste, con lo studio di metodi per la razionalizzazione in agricoltura e nell'allevamento ancora oggi usati nella Granda. Varrebbe la pena diffondere la conoscenza del Carlo Alberto di Racconigi e dell'importanza che ha avuto nell'economica del territorio; questi percorsi nel Castello sono i primi passi per dare al sovrano il riconoscimento che merita.

Lungo il nuovo percorso, anche il Fregio Palagiano, all'interno di una teca vetrata opportunamente illuminata, in un colpo d'occhio lungo ben 35 metri, e lo Spazio 21, un'area che prepara all'ingresso dei Bagni di Carlo Alberto con un'esperienza immersiva tutta da scoprire. La visita termina nella Cappella settecentesca.

Vita privata di un re è il frutto dell'incontro di diverse associazioni e istituzioni del territorio, attraverso il progetto europeo Interreg ALCOTRA I Duchidelle Alpi/Les Ducs des Alpes, con cui si è tracciato un percorso di valorizzazione di alcuni dei luoghi storici della dinastia sabauda, tra Piemonte e Savoia; tra gli strumenti realizzati dal progetto, anche Savoia Experience, "una piattaforma web in italiano e francese (www.savoiaexperience.com), che propone uno sguardo sull'incredibile varietà turistica e culturale del territorio transfrontaliero e permette di costruire il proprio viaggio sul territorio all’insegna della scoperta".

L'accesso al nuovo percorso è possibile solo con visite guidate, dal giovedì alla domenica dalle ore 10 alle 17.30 (giovedì solo su prenotazione per gruppi di max 12 persone; venerdì, sabato e domenica, prenotazione consigliata, ingresso in gruppi di max 12 persone). Il costo è di 5 euro, da aggiungere al biglietto di ingresso al Castello (intero 5 euro, rid 2 euro per 18-25 anni, gratuito per under 18, possessori tessere Abbonamento Musei, Torino+Piemonte Card, Royal Card). La prenotazione va effettuata all'indirizzo info@cuneoalps.it, al numero di telefono 0171 696206 (servizio attivo tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.00); online sul sito www.cuneoalps.it. Per info visitracconigi@gmail.com o tel 392 0811406.


Commenti