Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Corollaria: arte floreale e cura dei giardini alla Reggia di Venaria Reale

La prima rassegna in Italia dedicata all'arte floreale e al giardino si chiama Corollaria e si terrà dal 10 al 19 settembre 2021 alla Reggia di Venaria Reale. In diverse location della residenza sabauda, florovivaisti, fioristi e designer mostreranno la bellezza della loro arte e dei fiori, in installazione artistiche e decorative, che conteranno anche sui profumi e sui colori dei fiori e delle piante. Difficile immaginare un posto più scenografico, poco prima dell'inizio del foliage, per una manifestazione come questa.

Reggia di Venaria Reale Reggia di Venaria Reale

Corollaria si divide in due parti, arricchendosi mano a mano di eventi. Dal 10 al 16 settembre, ci saranno le installazioni di Cecilia Serafino, realizzate dai fioristi del M.I.F. Mercato Ingrosso Fiori, in collaborazione con Federfiori Confcommercio, la Federazione Nazionale dei Fioristi italiani: nella Cappella di Sant'Uberto, ci sarà una nuvola floreale di oltre 30 metri, sospesa sotto la cupola, realizzata con " migliaia di rametti di Gypsophila, conosciuta anche come "fiore della nebbia", legati a fili cascanti, che andranno a ricreare il volume, la forma e la leggerezza ottica di una nuvola; nel Rondò Alfieriano, una cascata colorata di "innumerevoli frutti di lunaria e foglie di liquidambar che, appoggiandosi al suolo, darà vita a intriganti giochi cromatici con i disegni e le grafiche dei sontuosi pavimenti della sala".

Poi, dal 14 settembre, nel Gran Parterre, si daranno appuntamento i migliori produttori di piante per vasi e giardini provenienti da tutta Italia, dando idee e suggerimenti sulle tendenze in corso, in vista dell'autunno (e pensate anche alla bellezza del contesto, tra parco e architettura della Reggia!). Nell'ultimo weekend di Corollaria, il 18 e 19 settembre, ulteriori installazioni artistiche, questa volta nell'Anticamera dei valletti ai piedi, dove ci sarà "un gigantesco anello di fiori lavorato e decorato a grottesche", e nella Sala di Diana, dove i quattro giganti del bosco, che proteggono idealmente la natura, saranno realizzati con rami, bacche e fori, simboli della caccia, protetta della dea, e dell'imminente autunno. Non mancheranno incontri, laboratori, aperitivi e dimostrazioni artistiche gratuiti e legati al green, il tema dell'anno della Reggia di Venaria Reale.

L'ingresso a Corollaria, organizzata da Associazione Società Orticola del Piemonte (organizza anche Flor), Consorzio M.I.F. Mercato Ingrosso Fiori, Asproflor, Federfiori Confcommercio, Federazione Nazionale dei fioristi italiani, è consentito solo con il Green Pass; tutte le info su www.corollaria.it.


Commenti