Vendemmia a Torino e Portici Divini: un autunno di eventi, tour e degustazioni con il vino

Vendemmia a Torino - Grapes in Town e Portici Divini ripetono la loro collaborazione anche nel 2021 e dal 22 ottobre al 7 novembre offrono a Torino un calendario di eventi con il vino e la sua cultura come protagonisti, online e in presenza. Vendemmia a Torino - Grapes in Town propone dirette in streaming, webinar e conversazioni dal suo nuovo sito, www.grapesintown.it , sull'app Grapes in Town (disponibile gratuitamente su Google Play e Apple Store) e sui suoi canali social. In presenza, ci sono la masterclass condotta da Lamberto Vallarino Gancia, wine expert, a Villa Sassi, le visite in cantina in occasione di Cantine Aperte in Vendemmia, la masterclass di fotografia della vigna urbana di Alba, la W ine Tasting Experience: turismo e sostenibilità a Villa Balbiano, a Chieri, e la masterclass delle Wine Angels. Belle anche le visite organizzate con Somewhere Tour &Events e con Promotur Viaggi, le trovate tutte, con tutte le info di costi e per le prenotazioni, sul sito di

Un'infinita bellezza: il paesaggio italiano in mostra alla Reggia di Venaria

Sarà aperta fino al 9 gennaio 2022, Una infinita bellezza. Il Paesaggio in Italia dalla pittura romantica all'arte contemporanea, che, se siete alla Reggia di Venaria Reale, vale davvero la pena vedere, nelle Citroniere Juvarriane. Con oltre 200 quadri, che raccontano il modo in cui la pittura ha rappresentato il paesaggio in oltre due secoli, si compie un vero e proprio viaggio in Italia, nella cosiddetta Italia minore, quella non raccontata dalla storia ufficiale e dai grandi personaggi. Ci sono quadri che immortalano la vita contadina, le gite in campagna dei borghesi, i pescatori appena rientrati in porto, le famiglie che vanno al mare; un modo per vedere la vita quotidiana delle persone semplici e scoprire, casomai ce ne fosse bisogno, che siamo stati un Paese sostanzialmente povero e agricolo, con un grande passato. C'è anche un grandioso quadro di Torino, vista dalla villa Barbaroux, firmato da Francesco Gamba ne 1851, così preciso da riconoscere isolati e campanili della città avviata a guidare il Risorgimento. Emozionante fermarsi a guardare i suoi dettagli.

Una infinita bellezza Una infinita bellezza

Cambia anche la visione del paesaggio: per inclinazione personale ho molto amato i quadri di grandi dimensioni del periodo romantico, con immagini tempestose e indomabili della natura. Ma è tutta la mostra che merita di essere vista, dai quadri del Grand Tour, che privilegiavano la luce mediterranea del sud, a quelli contemporanei, che trasfigurano il paesaggio, testimoniando quanto sia cambiato il nostro rapporto con quello che ci circonda e con l'immagine che ne abbiamo. A questa mostra hanno collaborato i prestiti della GAM, grazie a un accordo tra Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e Fondazione Torino Musei, e di diversi Musei, tra cui Museo Civico d'Arte Antica di Palazzo Madama, i Musei Reali di Torino, la Galleria d'Arte Moderna di Milano, la Galleria d’Arte Moderna di Genova, la Fondazione Musei Civici di Venezia, il Museo di Capodimonte e le Gallerie degli Uffizi.

Una infinita bellezza Una infinita bellezza

La mostra è accompagnata dagli incontri con i curatori e gli esponenti del comitato scientifico della mostra, che si tengono alla Cappella di Sant'Uberto, sotto il titolo I giovedì del paesaggio (in occasione degli incontri, il biglietto alla mostra costa 5 euro, dalle ore 13): Il paesaggio alla prova della modernità: dal Divisionismo agli anni '30 (7 ottobre 2021, ore 16, Flavio Fergonzi della Scuola Normale Superiore di Pisa dialoga con Alessandro Botta, storico dell'arte); Guardare lontano, e da vicino, nello spazio e nel tempo (14 ottobre 2021, ore 16, Guido Curto, direttore della Reggia di Venaria - Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, dialoga con Piergiorgio Dragone, storico e critico d'arte, Università degli Studi di Torino).

Una infinita bellezza. Il Paesaggio in Italia dalla pittura romantica all'arte contemporanea è alla Reggia di Venaria Reale fino al 9 gennaio 2022. L'orario di apertura è martedì-venerdì ore 9.30-17, sabato, domenica e festivi, ore 9.30-18.30, lunedì chiuso. Il biglietto d'ingresso alla sola mostra costa 14 euro, ridotto 10 euro (gruppi da 6 a 15 persone), ridotto 5 euro (under 21) gratuito per under 6 e possessori delle tessere Abbonamento Musei e Torino + Piemonte Card; il biglietto d'ingresso alla mostra è compreso nel biglietto Tutto in una reggia, che costa 20 euro (ridotto 16 euro per gruppi, 8 euro per under 21, gratuito per under 6 e possessori di tessere Abbonamento Musei e Torino + Piemonte Card) e dà diritto alla visita alla Reggia Piano Nobile, ai Giardini e le mostre in corso. La prenotazione e l'acquisto online dei biglietti sono obbligatori, si entra alla Reggia solo se muniti di mascherina e di Green Pass. Tutte le info su www.lavenaria.it.


Commenti