Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Natale di Luce: Torino si riprende le strade, gli eventi e la speranza

Le feste di fine anno prendono tradizionalmente il via l'8 dicembre, il giorno della Festa dell'Immacolata. Non fa eccezione questo 2021: domani, ci sarà il via ufficiale a tutti gli eventi preparati da Torino per turisti e residenti, in attesa di Natale e di Capodanno. Tante le novità.


La prima è che sarà la luce a illuminare l'attesa delle Feste, non per niente il titolo che unisce tutte le maniestazioni è Natale di luce, quasi una metafora della speranza dopo i due anni di lockdown appena passati (ma non superati, valgono empre tutte le regole della sicurezza contro il covid-19!). La seconda novità è lo spostamento di tutte le animazioni in piazza Vittorio Vneto, per la prima volta protagonista del Natale torinese. Qui domani, 8 dicembre, alle ore 18.30 sarà acceso per la prima volta l'Albero di Natale, un grande albero di luci alto ben 22 metri. Nella stessa piazza troverà posto, anch'esso per la prima volta, il calendario dell'Avvento, le cui caselle verranno scoperte ogni sera alle ore 18 dai Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Torino. Ai piedi dell'Albero, il Villaggio della Magia, che proporrà storie e spettacoli di magia nei fine settimana in attesa di Natale, alle ore 16 e alle ore 18, in replica (8 dicembre Alberto Giorgi & Laura; 11 dicembre Ale Bellotto & Giulia Musso; 12 dicembre Mister David & Family Dem; 18 dicembre Lannutti & Corbo; 19 dicembre Samuel Il ventriloquo più bravo al mondo).

Il ruolo della luce in queste feste è sottolineato da un nuovo allestimento, il Percorso di Luci, che dai giardini Sambuy arriva fino a Palazzo Reale, percorrendo tutta via Roma. "Ad aprire il percorso, l'illuminazione scenografica dei giardini Sambuy di piazza Carlo Felice, dove migliaia di luci a LED scintillanti bianche e colorate decoreranno gli alberi, la fontana e il chiosco liberty. A illuminare la facciata di Palazzo Reale sarà invece un video mapping ispirato ai simboli del Natale, che coinvolgeranno anche le statue dell'artista Fabio Viale presenti in piazzetta Reale" anticipa il comunicato stampa.

Al Borgo Medievale tornerà il Presepe di Emanuele Luzzati, che sarà inaugurato l'8 dicembre alle ore 15 e rimarrà fino al 9 gennaio 2022. Sempre al Borgo Medievale, l'8 dicembre ci sarà l'Incantastorie: "L'artista Stefano Cavanna metterà in scena uno spettacolo di Storytelling Magic, ovvero l'arte complessa del narrare storie attraverso la magia. L'Incantastorie, collezionista di oggetti curiosi, mostrerà i suoi tesori narrando il mistero dietro ognuno di essi. Le fiabe più famose del Natale prenderanno vita attraverso le parole, la magia e oggetti che, proprio grazie alla loro semplicità, ci raccontano la meraviglia e il potere che i singoli desideri hanno di cambiare il mondo."

Nei giorni di festa cambierà colore anche la Mole Antonelliana: si iluminerà di blu l'8 dicembre e dal 17 dicembre al 6 gennaio, quindi di rosso nelle Notti di Natale, il 24, 25 e 26 dicembe 2022, e avrà il coore delle bollicine il 31 dicembre, a mezanotte. Un'illuminazione straordinaria e imperdibile. realizzata con 2000 lampade stroboscopiche a led installate lungo tutta la guglia e la cupola.

Non sarebbe Natale senza musica e snza concerti e dunque anche quest'anno nelle chiese del centro suoneranno pasorali e antichi canti, con questo calendario: 10 dicembre ore 21.00 Real Chiesa di San Lorenzo, Piazza Castello / via Palazzo di Città, Accademia dei Solinghi Ensemble Vocale Musicaviva Natale alla corte dei Savoia nel ‘700; 23 dicembre ore 16.30, Chiesa della Santissima Annunziata, via Po 45, Ensemble Resonare Il barocco dagli Appennini alle Ande; 30 dicembre ore 21.00, Chiesa di San Carlo, piazza San Carlo 1, Associazione Culturale Mythos La Rossignol – Pastorali e antichi canti dei poveri e dei re). Tutti i concerti sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Rimane Capodanno e Torino invita a "guardare il cielo e lasciarsi stupire" perché "la sorpresa renderà ancora più unico l'avvio del 2022".

Tutte le info per questo Natale di Luce da festeggiare a Torino su www.nataleatorino.it/.


Commenti