A pranzo da Piada Tosta, ambiente dinamico, insalate leggere e saporite

Una giornata calda di fine maggio e un pranzo con la sorella, da fare al volo. Siamo nella zona di riferimento della sorella e quindi è lei che guida e decide dove andare a mangiare, finiamo così da Piada Tosta, che mi piace e mi convince sin dal ciao. In via Sant'Antonio da Padova 14/b, il locale è piccolo, ma accattivante, propone lunghi tavoli con sgabelli, tavolini da 4 e anche da 2; tutto parla di green e di riciclo. La decorazione, così come i contenitori delle bottigliette dei condimenti, per esempio, sono realizzati con i tubi di cartone che contenevano i lucidi dei progetti, arrivati dalla precedente vita del proprietario, un ingegnere che ha deciso di voltare pagina; in alto, una bicicletta appesa al soffitto, fa pensare a uno stile di vita sostenibile; le tasche posteriori dei jeans sono diventate tanti quadri che coprono allegramente una parete. L'ambiente introduce alla filosofia dei piatti, con ingredienti stagionali, ben abbinati e di qualità. Nella stagione f

Artàporter, porta l'arte nei locali e inventa nuovi itinerari turistici

Avete mai pensato di entrare in un locale, vedere un quadro e comprarlo? Adesso è possibile, grazie ad Artàporter, la prima piattaforma "che supporta lo sviluppo dell'arte emergente per renderla accessibile a tutti, ripensandone i 'luoghi comuni'" spiega il comunicato stampa. Un progetto fascinosissimo, che trasforma i locali in gallerie d'arte e che offre agli artisti nuovi spazi in cui esporre e far conoscere il proprio lavoro. 

Artàporter Artàporter

Totalmente gratuita, sia per gli ospiti, siano locali pubblici come ristoranti, bar, negozi, o studi professionali, che per gli artisti, Artàporter intende ripensare i luoghi dell'arte per offrire anche nuovi itinerari turistici. Le opere potranno essere acquistate, come se si fosse in una galleria d'arte, permettendo davvero così agli artisti di avere un'ulteriore visibilità, lontana dai circuiti abituali. 

Al momento aderiscono al progetto 15 locali e negozi, tra loro l'Ex Drogheria Café, la Gelateria Silvano, Michi Store 46, il Ristorante Cornoler, Garignani Belle Arti. E sono presenti "pittori astrattisti come Antonio Palmisani, Nico Biso e Norman Sgrò, ma anche artisti digitali come Milena Petrelli, in arte Muso, e Renato Muzzin. Spazio anche alla fotografia con Sauar e ai neosurrealisti con Riccardo Fissore e Angelo Franco, senza dimenticare street artist come Morb, Plagio e il collettivo Rockmantic. Tante storie anche al femminile, grazie alla partecipazione di giovani artiste come Elisa Bonotti, Roberta N9VE, Chiara Gobbo e Lorenza Maddalena e, infine, una partecipazione speciale, con l'artista newyorkese Frank Denota, tra i fondatori del Movimento GANT, che ha collaborato con i più grandi artisti pop come Andy Wharol e Keith Haring".

Artàporter sbarcherà prossimamente in altre città italiane e probabilmente anche all'estero. Per scoprire i primi itinerari d'arte che propone, non perdete di vista il sito web, www.artapoter.it, che offre la mappa sempre aggiornata dei nuovi ingressi nella rete di ospiti e artisti.


Commenti