A pranzo da Piada Tosta, ambiente dinamico, insalate leggere e saporite

Una giornata calda di fine maggio e un pranzo con la sorella, da fare al volo. Siamo nella zona di riferimento della sorella e quindi è lei che guida e decide dove andare a mangiare, finiamo così da Piada Tosta, che mi piace e mi convince sin dal ciao. In via Sant'Antonio da Padova 14/b, il locale è piccolo, ma accattivante, propone lunghi tavoli con sgabelli, tavolini da 4 e anche da 2; tutto parla di green e di riciclo. La decorazione, così come i contenitori delle bottigliette dei condimenti, per esempio, sono realizzati con i tubi di cartone che contenevano i lucidi dei progetti, arrivati dalla precedente vita del proprietario, un ingegnere che ha deciso di voltare pagina; in alto, una bicicletta appesa al soffitto, fa pensare a uno stile di vita sostenibile; le tasche posteriori dei jeans sono diventate tanti quadri che coprono allegramente una parete. L'ambiente introduce alla filosofia dei piatti, con ingredienti stagionali, ben abbinati e di qualità. Nella stagione f

Con Eyes by Valeria Eva Rossi, gli sguardi su Torino diventano design

Il periodo di lockdown come un momento di creatività e riflessione, per guardarci dentro e per scoprire come guardiamo il mondo e come lo abbiamo guardato in quei giorni. Il nuovo progetto di Valeria Eva Rossi, architetta toscana trapiantata a Torino (qui vi ho raccontato di Pietraquadra, la sua linea di bijoux realizzati con il marmo della sua terra), si intitola Eyes - Sguardi su Torino, usa fotografia e geometria e si ispira ai pensieri dei giorni dell'isolamento. Le sue "foto-grafiche", veri e propri oggetti di design da appendere alle pareti, per dare forte personalità agli spazi, "ritraggono luoghi reali, diventati contemporaneamente onirici, attraverso una visione deformata dal disegno geometrico" spiega Valeria Eva Rossi "L'opera è composta da due piani - reale (la fotografia) e irreale (il disegno) - che non si toccano, ma che sono parte uno dell'altro. L'insieme della composizione restituisce un'immagine visionaria, eppure radicata nella realtà, con molte valenze simboliche".

Eyes by Valeria EVa Rossi Eyes by Valeria EVa Rossi

Il tempo e la vista sono gli elementi, insieme a Torino, dei grandi quadri del progetto. "Il distanziamento sociale ha imposto rigide regole che ci allontanano fisicamente e psicologicamente dall'altro. Credo che, più di tutti, il senso che attiene al periodo sia la vista. Se tutti i nostri sensi sono attenuati, la vista è il senso potenziato. Guardiamo, scrutiamo un mondo che prima non conoscevamo e lo osserviamo, per lo più, dalle nostre case o attraverso il web. Comunque attraverso una lente, un filtro, fisico o virtuale".

Durante il lockdown, dunque, i nostri occhi, sia attraverso le finestre che attraverso gli schermi dei computer e delle tv sono stati protagonisti della nostra vita degli ultimi anni. Riflettendo su questo e sulle immagini che ha scattato a Torino, Valeria Eva ha preparato una serie di opere di diverso formato, che immortalano luoghi riconoscibili della città, da piazza San Carlo al Lingotto e li riflettono perché, spiega ancora Rossi, "l'occhio è lo specchio che riflette la realtà, in un gioco tra esterno e interno che ne sfuma i confini. L'iride riflette una realtà oggettiva, ma trasfigurata e, in parte, offuscata da una pupilla poco umana, più simile a un obiettivo fotografico, che sembra voler inghiottire lo sguardo, portandolo in un luogo sconosciuto. L'iride vede il fuori e la pupilla il dentro, nel tentativo di stabilire un ponte, non un confine, tra realtà esterna e interna".

Eyes by Valeria EVa Rossi Eyes by Valeria EVa Rossi

Dalle immagini realizzate da Valeria Eva Rossi, che ipotizzano ambientazioni virtuali per le sue creazioni e che illustrano anche quest'articolo, si può vedere come le fotografie si integrino armoniosamente sia in residenze private che in spazi pubblici, adatte ai diversi tipi di arredamento e di luce. Sono state stampate in alta qualità, "su pannelli dibond con supporti posteriori per appenderli" dice la designer. Per avere ulteriori informazioni potete contattarla sui social, su Instagram e su Facebook.


Commenti