A pranzo da Piada Tosta, ambiente dinamico, insalate leggere e saporite

Una giornata calda di fine maggio e un pranzo con la sorella, da fare al volo. Siamo nella zona di riferimento della sorella e quindi è lei che guida e decide dove andare a mangiare, finiamo così da Piada Tosta, che mi piace e mi convince sin dal ciao. In via Sant'Antonio da Padova 14/b, il locale è piccolo, ma accattivante, propone lunghi tavoli con sgabelli, tavolini da 4 e anche da 2; tutto parla di green e di riciclo. La decorazione, così come i contenitori delle bottigliette dei condimenti, per esempio, sono realizzati con i tubi di cartone che contenevano i lucidi dei progetti, arrivati dalla precedente vita del proprietario, un ingegnere che ha deciso di voltare pagina; in alto, una bicicletta appesa al soffitto, fa pensare a uno stile di vita sostenibile; le tasche posteriori dei jeans sono diventate tanti quadri che coprono allegramente una parete. L'ambiente introduce alla filosofia dei piatti, con ingredienti stagionali, ben abbinati e di qualità. Nella stagione f

Il Barolo Festival chiude la Festa dell'Orgoglio Locale, da Eataly Lingotto

Eataly Lingotto sta celebrando la Festa dell'Orgoglio Locale, con cui valorizza il territorio piemontese e la sua biodiversità. Lo fa con la consueta formula, che mette insieme cuochi, produttori e artigiani locali. Fino al 27 febbraio 2022, i ristoranti propongono realtà locali come il Brieis Relais Alpino, albergo diffuso nella Valle Maira (CN), che presenterà i ravioles, il flan di Nostrale della Valle Maira e il bonet profumato alla lavanda (22 febbraio), o come il rifugio Fontana Mura, nel Parco Orsiera-Rocciavrè, tra la Val Sangone e la Val Chisone, che propone polenta di pignoletto rosso, Toma di Lait Brusc, sformato di patate e toma. Non mancherà la presentazione di progetti come Braja Farm, azienda agricola di Sommariva Bosco (CN), che coltiva frutta e verdura, recuperando anche varietà antiche e in disuso.

Eataly Lingotto Eataly Lingotto

A chiudere la Festa dell'Orgoglio Locale, il Barolo Festival, che per l'intero weekend, dal 25 al 27 febbraio, sarà dedicato al Barolo e ai vini del Piemonte. Nell'Enoteca di Eataly saranno presenti 15 produttori per oltre 50 etichette, tra loro i grandi nomi del vino delle Langhe, piccole cantine da scoprire e alcune rappresentanti delle Donne del Vino come Sandra Vezza, fondatrice dell'Astemia pentita. "Non si rimarrà naturalmente a stomaco vuoto, grazie alle apas pensate per l’occasione dall’Executive Chef di Eataly Lingotto, Patrik Lisa: pulled pork, pane burro e acciughe ma anche golose focaccine in versione sabauda, con vitello tonnato. Anche la cucina di Giù da Guido, il nuovo locale della famiglia Alciati dentro l'Enoteca di Eataly, proporrà alcuni sfizi: tortilla di polenta con baccalà mantecato, bistecchine di lingua con bagnetti e altre golosità saranno in menu esclusivamente per le due serate di degustazione" annuncia il comunicato stampa.

Con il Festival del Barolo, anche alcuni momenti didattici. Venerdì 25 ci sarà la Masterclass verticale di Barolo Fontanafredda, con degustazioni guidate dall'enologo Giorgio Lavagna; domenica 27 febbraio dalle 16.30 Torino Wine Week incontra… Mauro Marengo, una degustazione gratuita curata da Torino Wine Week insieme a Mauro Marengo, titolare dell'azienda vitivinicola omonima.

Il calendario completo degli eventi è il seguente:
Martedì 22 febbraio, a pranzo e cena | Brieis Relais Alpino, Marmora CN
Martedì 22 febbraio, dalle 18.30 alle 20.30 | Di Barolo in Barolo | 40 euro
Mercoledì 23 febbraio, ore 20 | Braja Farm incontra Eataly | 55 euro
Giovedì 24 febbraio, a pranzo e cena | Rifugio Fontana Mura, Coazze TO
Venerdì 25 febbraio, dalle 18.30 alle 20.30 | Masterclass verticale di Barolo Fontanafredda | 60 euro
Venerdì 25 e sabato 26 febbraio, dalle ore 18 alle 23 | Degustazioni in Enoteca | 40 euro
Domenica 27 febbraio, ore 13 | Il pranzo della domenica | 45 euro
Domenica 27 febbraio, dalle 16.30 alle 18.30 | Torino Wine Week incontra… Mauro Marengo | Gratuito


Commenti