Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Passepartout, sei visite guidate nei posti segreti della Palazzina di Stupinigi

La Palazzina di Caccia di Stupinigi svelerà i suoi posti segreti e in genere mai aperti al pubblico in sei visite, da marzo a novembre, riunite con il nome Passepartout. L'appartamento di Ponente di Carlo Felice, gli spazi riservati alla servitù e, soprattutto, la cupola della Palazzina, culminata all'esterno dalla statua del cervo, sono i protagonisti delle visite.

Palazzina di Stupinigi

Si inizia nel weekend 26-27 marzo (replica il 5-6 novembre) con Le stanze chiuse del re, che porta alla scoperta dell'appartamento di Carlo Felice, non ancora restaurato e speculare all'appartamento di Levante; in questi spazi, affreschi, statue, lampadari per lo più settecenteschi, raccontano le trasformazioni del gusto e delle funzioni delle stanze. Dietro le porte segrete, il 24-25 aprile e il 29-30 ottobre, è dedicato alla vita della servitù, che si muoveva in passaggi e corridoi segreti per raggiungere facilmente e discretamente le diverse stanze private dei Savoia; si vedrà anche il quadro dei campanelli automatici, che darà un'idea di come si gestivano le richieste dei servizi. Sotto il cervo, il 28-29 maggio e il 24-25 settembre porterà sotto la cupola del padiglione centrale, da dove si gode di una vista a 360° sul territorio circostante e si legge meglio l'andamento concavo e convesso della residenza, ma, soprattutto, si vedrà la composizione architettonica del tetto, con la sua complessa orditura di legno.

Per partecipare alle visite guidate è obbligatoria la prenotazione entro il venerdì al numero di telefono 011 6200634; nei giorni già indicati, le visite si terranno alle ore 10.30, 12, 14.30 e 16. Per Dietro le porte segrete e Sotto il cervo i visitatori saranno dotati di caschetto di protezione; consigliati abbigliamento comodo e calzature basse; non è consentito l’accesso con borse e/o zaini ingombranti. Le visite sono limitate a un numero massimo di 10 persone. Il biglietto per Le stanze chiuse del re e Dietro le porte segrete costa 17 euro e comprende la visita guidata e l'ingresso a prezzo ridotto in palazzina; per Sotto il cervo costa 20 euro.


Commenti