Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Nell'Accademia del Panino, i sorprendenti e inaspettati sapori pop

Ho conosciuto l'Accademia del Panino su Instagram e mi ha incuriosito da subito per i suoi panini e per la passione con cui li racconta. Un paio di giorni fa, finalmente, l'occasione di assaggiarli e di apprezzarli anch'io, durante un aperitivo speciale (e le promesse delle fotografie e dei video che potete vedere sulle reti sociali sono ampiamente mantenute). Davanti a Palazzo Nuovo, il locale è minuscolo, ma ha un piacevole dehor in cui fermarsi a gustare i suoi prodotti.

Accademia del Panino Torino Accademia del Panino Torino

La serata è iniziata con i tre panini Ieri, oggi, domani, tutti diversi, per raccontare la storia e la ricerca di Luca Muolo, l'appassionato proprietario e anima dell'Accademia. Ieri è un tramezzino, da cui è in fondo partita la passione torinese per gli spuntini, il padre di tutti i panini; i suoi ingredienti sono roast beef, mozzarella, zucchine impanate e salsa verde. L'Oggi è un croissant salato con prosciutto cotto, una lama di mela, crema gentile e grana; Domani, il futuro, insomma, è un paninetto di alghe e acqua di mare, farcito da salmone affumicato, toma, polvere di caffè e guacamole. Tre panini diversi, che ripercorrono la storia del panino e dell'Accademia e che combinano gli ingredienti in forme che sembrano azzardate e invece si rivelano armoniose; sorprendentemente, ogni ingrediente rimane riconoscibile, mescolandosi agli altri sapori.

Poi arriva il panino "fai tu", che è la frase che Luca si sente ripetere sempre più spesso. I suoi menù propongono panini per tutti i gusti ed esigenze, vegetariani e vegani compresi, ma alla fine tutti si fidano di Luca e gli dicono "fai tu". E ha fatto lui anche per l'aperitivo di un paio di sere fa. Per me, dunque, panino farcito con manzo affumicato, zucchine impanate, pomodori semi dry, burrata, rucola e pesto. Che dire? Tanti dei miei ingredienti preferiti e mi sono identificata persino nelle combinazioni, che sanno di leggerezza, freschezza, estate. Per ognuno dei presenti un panino diverso, che lo ha in qualche modo descritto. Che Luca, dopo 8 anni di Accademia del Panino sia diventato anche un po' psicologo? Certamente sa affascinare quando racconta della sua ricerca continua, per offrire prodotti sempre all'avanguardia, aperti al futuro, "non è un lavoro, è una passione" dice e gli occhi gli brillano. Mi piace anche l'idea di definire i suoi "panini pop", quasi in contrapposizione a quelli gourmet: non bisogna essere particolarmente sofisticati o complicati per offrire qualità e sapore, una sorta di elogio della semplicità, il suo.

Accademia del Panino Torino Accademia del Panino Torino

Attento agli eventi e all'attualità, Muolo si diverte a proporre anche i panini limited edition. Sono gli ultimi giorni per gustare i due pensati per l'Eurovision 2022, del Menù Musica per il tuo palato: il primo con straccetti di pollo, carciofo grigliato alla brace, rucola, grana, cipolle caramellate e salsa al curry, mango e zenzero (8 euro), il secondo, in versione vegana, con tofu aromatizzato alla menta, pomodorino giallo, paté di asparagi e finocchio (6 euro). Ci sono anche tre eventi in vista dell'estate: il 19 maggio, Una birra per un panino: cena speciale con le birre firmate Antagonisti; il 16 giugno, Formaggio e pane, pasto regale!: cena in collaborazione con la bottega storica Latteria Bera che selezionerà i formaggi dei panini; il 7 luglio, Buon compleanno Accademia: gli 8 anni, arriveranno in autunno, ma i festeggiamenti sono stati anticipati all'estate, con musica compresa. Gli eventi costano 25 euro e, consiglio dovuto, non dimenticate di chiedere i panini dolci con cui chiudere la serata. L'ultimo panino dell'aperitivo conteneva fragole, pera, miele, robiola, noci e crema gentile. Un vero, sorprendente bijoux, da riprovare (e no, non c'è foto, tanto è stato il gusto che mi sono dimenticata di scattarla, sorry).

L'Accademia del Panino è in via Sant'Ottavio 27 (davanti a Palazzo Nuovo).


Commenti