Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

Newsletter

Ogni venerdì, potete ricevere la newsletter settimanale di Rotta su Torino, con tutti gli articoli usciti durante la settimana e le novità per il weekend.

Gli 
indirizzi di posta elettronica, affidatimi per ricevere la newsletter, sono conservati nella piattaforma di Mailchimp, che rispetta il regolamento del GDPR della UE relativo alla protezione dei dati; non verranno utilizzati per altro scopo che non sia l'invio della newsletter, né verranno venduti a terzi.

Gli iscritti potranno cancellarsi in qualsiasi momento dall'apposito link, situato al fondo delle email che verranno loro inviate; in questo modo smetteranno di ricevere la newsletter.









Commenti