Quando si andava in spiaggia sul Po

Mentre arriva l'autunno, queste fotografie che arrivano dal passato, per raccontare quando i fiumi di Torino erano balneabili e chi non poteva raggiungere la Liguria e le spiagge approfittava delle rive del Po, della Stura e del Sangone (lungo la Dora sorgevano le industrie ed era per questo meno ambito; per questa stessa ragione, i bagni erano a monte della città, da Moncalieri fino all'altezza delle attuali Molinette, e non a valle, dove venivano versati nel fiume gli scarichi della città e delle sue industrie). Lungo il Po sorgevano veri e propri stabilimenti balneari, con ombrellini, sdraio e, nei casi di maggior lusso, con piscina propria, oltre alle acque del fiume. I bagni più belli, i Bagni Lido Savoia e i Bagni Diana, si trovavano sulla riva destra del Po, all'altezza, più o meno di Italia 61, ma sull'altro lato; avevano alle spalle la collina e in lontananza, guadando verso nord, la guglia della Mole Antonelliana (davanti la macchia verde che ci sarebbe

Newsletter

Ogni venerdì, potete ricevere la newsletter settimanale di Rotta su Torino, con tutti gli articoli usciti durante la settimana e le novità per il weekend.

Gli 
indirizzi di posta elettronica, affidatimi per ricevere la newsletter, sono conservati nella piattaforma di Mailchimp, che rispetta il regolamento del GDPR della UE relativo alla protezione dei dati; non verranno utilizzati per altro scopo che non sia l'invio della newsletter, né verranno venduti a terzi.

Gli iscritti potranno cancellarsi in qualsiasi momento dall'apposito link, situato al fondo delle email che verranno loro inviate; in questo modo smetteranno di ricevere la newsletter.









Commenti