Quando si andava in spiaggia sul Po

Mentre arriva l'autunno, queste fotografie che arrivano dal passato, per raccontare quando i fiumi di Torino erano balneabili e chi non poteva raggiungere la Liguria e le spiagge approfittava delle rive del Po, della Stura e del Sangone (lungo la Dora sorgevano le industrie ed era per questo meno ambito; per questa stessa ragione, i bagni erano a monte della città, da Moncalieri fino all'altezza delle attuali Molinette, e non a valle, dove venivano versati nel fiume gli scarichi della città e delle sue industrie). Lungo il Po sorgevano veri e propri stabilimenti balneari, con ombrellini, sdraio e, nei casi di maggior lusso, con piscina propria, oltre alle acque del fiume. I bagni più belli, i Bagni Lido Savoia e i Bagni Diana, si trovavano sulla riva destra del Po, all'altezza, più o meno di Italia 61, ma sull'altro lato; avevano alle spalle la collina e in lontananza, guadando verso nord, la guglia della Mole Antonelliana (davanti la macchia verde che ci sarebbe

La nevicata perfetta imbianca la città: le foto di Rotta su Torino

Sembra essere diventato un appuntamento irrinunciabile: arriva febbraio, ci sono i primi sentori della primavera e arriva la neve. Una neve abbondante, che imbianca la città e le dà un sapore nordico.
A lungo annunciata dai media, la nevicata perfetta è arrivata ieri anche su Torino. Non ha creato grandi problemi al traffico cittadino e ha spinto decine di persone a uscire, per cercare la foto più invidiabile negli angoli più belli della città.
Nel web ci sono molte gallerie fotografiche. Da segnalare quelle di lastampa.it e di repubblica.it. Ma anche Rotta su Torino ha la sua galleria fotografica, realizzata tra ieri pomeriggio in centro, dove la neve non è riuscita a rimanere come in periferia, e stamattina al Parco Dora, sotto il sole e il cielo sereno. 



Commenti