I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

Amedeo Modigliani e la Bohème parigina alla GAM di Torino, da marzo

E' la GAM a inaugurare la stagione delle grandi mostre attese a Torino per il 2015. Dal 14 marzo 2015, il Museo di via Magenta 23 ospita Amedeo Modigliani e la Bohème di Parigi, una mostra che raccoglie 90 opere d'arte, provenienti dal Musée National d'Art Moderne - Centre Pompidou di Parigi e da collezioni pubbliche e private.

La mostra sarà divisa in cinque sezioni: Amedeo Modigliani, che metterà a confronto alcuni ritratti del grande pittore toscano con Ritratto di Modigliani di Andrè Derain, e Gotine rosse di Giovanni Fattori; Modigliani/Brancusi e la scultura, che analizza le celebri teste di forma allungate di Modigliani, confrontandole con le opere dell'amico Constantin Brancusi, con cui condivise studio e interessi; La bohème parigina, che ricostruisce le atmosfere parigine del primo Novecento, tra Montmartre, Montparnasse, artisti, caffè e bordelli, e che propone opere di Chaim Soutine, Marc Chagall e Maurice Utrillo; Il cubismo, in cui si confrontano alcuni lavori di Modigliani con quelli di Gino Severini, Pablo Picasso, Juan Gris e Louis Marcoussis; Il nuovo umanesimo della scuola di Parigi, in cui si approfondisce il legame di Modigliani con la cerchia di artisti attratti da Parigi e dalle libertà che garantiva, il Ritratto di Dédie è accompagnato da opere di Marc Chagall, Max Jacob, Sonia Delaunay.

Attraverso le varie sezioni, si assiste all'evolversi della poetica di Modigliani, fino alla definizione del suo stile, caratterizzato da una sintesi estrema, tanto che i personaggi ritratti non si rivelano nella loro identità, se non per alcuni dettagli, come i vestiti o le capigliature. E si entra, soprattutto, nella straordinaria vitalità di Parigi, che nei primi anni del Novecento seppe richiamare artisti da ogni parte d'Europa, attratti dalla libertà e dagli incontri che prometteva.

La mostra sarà aperta fino al 12 luglio 2015, accompagnerà dunque per buona parte dell'anno e sarà una delle grandi attrazioni culturali proposte da Torino, tra Ostensione della Sindone ed Expo di Milano


Commenti