Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

I colori dell'autunno nel Giardino Grosa, sotto il grattacielo Intesa-Sanpaolo

Tra il grattacielo di Intesa Sanpaolo e il Palazzo di Giustizia, c'è il Giardino Nicola Grosa, riaperto da qualche mese al pubblico, dopo la riqualificazione, firmata anch'essa, come il grattacielo, da Renzo Piano. Stretto tra due edifici dell'architettura contemporanea torinese, come sorta di cerniera tra l'elegante quartiere di Cit Turin e la Spina 1, che inizia proprio sull'altro lato, il Giardino è un'oasi di quiete, soprattutto in questa stagione colorata e dolcemente malinconica.


Renzo Piano ha immaginato un grande prato, su cui non è difficile vedere padri e figli giocare al pallone, e quattro aree attrezzate per il gioco. Tutt'intorno ci sono numerosi alberi: intorno al prato, lungo corso Vittorio Emanuele II, ci sono alberi a grande fusto, intorno alle aree gioco, betulle e aceri. Sono loro, in questa stagione, a riempire il giardino di colori, di gialli e di rossi accesi.


Il Giardino Grosa è stato disegnato pensando alla sostenibilità ambientale: la sua illuminazione è a led, l'impianto di irrigazione usa l'acqua piovana ed è più razionale, la guaina di impermeabilizzazione del parcheggio sotterraneo è stata sostituita. Ci sono anche molte rastrelliere per le biciclette, così da favorire l'uso di questo mezzo di trasporto. Ma la cosa più importante è che il giardino è un bel punto di socializzazione, incontro e gioco per gli abitanti del quartiere e anche, perché no?, per i dipendenti di Intesa-Sanpaolo, Palazzo di Giustizia e RAI, nei momenti di pausa, soprattutto nelle stagioni più temperate. Che lo scoprano anche turisti e torinesi in transito.


Commenti