Incontri da non perdere, al Festival del Classico

Libertà e Schiavitù è il tema del Festival del Classico, a Torino dal 2 al 5 dicembre 2021, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, e in diverse altre sedi sparse per la città. Alla sua quarta edizione, la manifestazione, che usa il pensiero degli antichi per analizzare i fenomeni del presente, offrirà oltre 40 incontri "tra lezioni magistrali, letture, dialoghi, dispute dialettiche e seminari, per riflettere su antiche e nuove disuguaglianze, per mettere a confronto le libertà degli antichi e dei moderni, per dare voce ai classici" anticipa il comunicato stampa. Consideriamo la schiavitù una realtà del mondo antico, quando gli sconfitti diventavano schiavi dei vincitori, quando i padroni avevano potere di vita e di morte sui propri schiavi, avendo il potere di venderli al miglior offerente o di regalare loro la libertà. "La schiavitù nel mondo occidentale è sempre esistita? È ancora presente, al giorno d'oggi, sotto nuove forme? Qual è il risultato della globalizz

Shakespeare in musica all'apericena di Luoghi Comuni Porta Palazzo

Under the Grenwood Tree è il titolo di una delle canzoni più note di William Shakespeare ed è il titolo scelto per un'apericena con contorno di musica e poesia alla Residenza Temporanea Luoghi Comuni Porta Palazzo (via Clemente Damiano Priocca 3), venerdì 26 febbraio 2016, alle ore 20.

Le canzoni erano il genere prediletto di Shakespeare per tornare alla natura, nel suo stato più puro e selvaggio, simbolo dei ritmi e delle cose incorrotte. Ispirandosi a queste atmosfere shakespeariane, la serata si muove "in uno scenario sospeso tra il sogno e la realtà, unisce suoni e parole e coinvolge nel 'banchetto silvestre' il suo uditorio" racconta il comunicato stampa.

I protagonisti della serata saranno il pianista Francesco De Giorgi, ideatore dello spettacolo, e il soprano ucraino Olena Kharachko, che canterà i versi di William Shakespeare; tra le musiche selezionate da De Giorgi, ci sono anche quelle del compositore inglese Roger Quilter, il cui stile ricorda le tradizioni delle folksongs inglesi; i testi saranno introdotti dall'attore Gabriele Bocchio, vera e propria voce narrante, che coinvolgerà il pubblico nel suo racconto. L'apericena è a cura del ristorante Il Mercante e costa 10 euro a persona. Prenotazioni al numero di telefono 344 2939666.


Commenti