Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

#museuminstaswap: così i Musei torinesi si raccontano l'un l'altro, su Instagram

Dopo New York e Londra, è la volta di Torino, ancora una volta prima in Italia. Il 12 aprile 2016 ci sarà una bella sfida di primavera tra i Musei torinesi, che, divisi a coppie, si racconteranno l'un l'altro su Instagram. L'hashtag da seguire sarà #Museuminstaswap e permetterà di scoprire come i Musei torinesi vedono l'altro, assegnato in coppia dalla classica estrazione da cappello (se non vi fidate, su youtube, il momento dell'estrazione dei nomi).

L'idea è partita dalla Reggia di Venaria, che dai propri social ha proposto agli altri Musei torinesi questa sorta di scambio di vedute attraverso il più amato social della fotografia. E la risposta, assicura il comunicato stampa diffuso dalla Reggia, "è stata immediata ed entusiasta. In pochi minuti hanno confermato la loro partecipazione il Museo Egizio, il Museo Nazionale del Cinema, Palazzo Madama, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il Castello di Rivoli, i Musei Reali, il MAO, il Museo Nazionale dell'Automobile, il Museo Accorsi-Ometto, CAMERA e il Museo Ettore Fico.

Queste le coppie di Musei che si racconteranno l'un l'altro:
CAMERA-Centro Italiano per la Fotografia - Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
Museo Egizio - MEF-Museo Ettore Fico
La Venaria Reale - Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
Musei Reali di Torino - MAO-Museo d’Arte Orientale
Museo Nazionale dell’Automobile - Museo Nazionale del Cinema
Palazzo Madama - Museo Accorsi-Ometto

Alcune coppie sorprendono per le affinità possibili e incuriosisce già da adesso come, per esempio, CAMERA e il Castello di Rivoli o Palazzo Madama e il Museo Accorsi-Ometto si racconterano l'un l'altro, avendo tanti possibili percorsi e obiettivi comuni. Affascinante, per le commistioni immaginabili, anche l'accoppiata Museo Nazionale dell'Automobile e Museo Nazionale del Cinema (che cinema sarebbe senza automobili? E quale automobile non potrebbe essere protagonista di una storia cinematografica?); o anche la Reggia di Venaria Reale e Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Ma, devo dirlo con tutto il cuore, l'accoppiata più fascinosa, suggestiva e intrigante è Museo Egizio-Museo Ettore Fico: dei e faraoni che raccontano l'arte contemporanea e viceversa, un antico edificio industriale, diventato tempio dell'arte contemporanea, che racconta un edificio barocco trasformato in sede moderna e tecnologica del più importante e vivace Museo Egizio d'Europa. Benedetti gli dei antichi e contemporanei, che hanno tramato per questo curioso gemellaggio.

Come resistere fino al 12 aprile? Non perdetevi #Museuminstaswap!


Commenti