Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Aurora Sonora, una passeggiata ascoltando Borgo Aurora

Avete mai pensato di visitare un quartiere in base ai suoi suoni? Aurora Sonora è una passeggiata sonora, che propone di scoprire Borgo Aurora in base ai suoi suoni, grazie a composizioni sonore site-specific geolocalizzate tramite l'app, Echoes.

Aurora Sonora in Borgo Aurora

L'appuntamento è il 29 maggio 2016, alle ore 16, alla Biblioteca Italo Calvino di Lungo Dora Agrigento 94. Da lì partirà una sound walk che avrà negli smartphone un protagonista necessario: l'app permetterà infatti di immergersi nel quartiere in modo completamente diverso. "Il lavoro di ricerca realizzato sul territorio da tre artisti sonori (Giorgio Alloatti, Alessandro Peiretti e Fabio Battistetti) nel definire i luoghi di intervento, permette di scoprire vie, piazze, mai percorse prima o di vivere sotto un'altra luce luoghi già conosciuti" spiega nel suo sito web l'Associazione E, che ha ideato Aurora Sonora. E' una proposta nuova e originale, che invita a sviluppare l'ascolto, oltre allo sguardo, per guardare i nostri quartieri con altri occhi.

Per partecipare alla passeggiata sonora, bisogna avere lo smartphone e un paio di cuffie; il percorso durerà un paio d'ore; la partecipazione è gratuita e va prenotata su eventbrite.com. Dal 29 maggio in poi, si potrà realizzare il percorso sonoro anche per conto proprio, utilizzando questa questa mappa.


Commenti