Un menù autunnale a filiera cortissima e autoprodotta, la svolta di Affini

Un menù autunnale che è risultato di un progetto bello e ambizioso, pensato avendo l'Agenda 2030 dell'ONU come direzione. Il Gruppo Affini svolta verso il controllo della filiera produttiva, sempre più corta, così da rispondere in modo concreto alle esigenze di sostenibilità, più urgenti da dopo il lockdown. Da Green Pea, dove il suo terzo locale (gli altri due sono a San Salvario ea Porta Palazzo) sta per festeggiare un anno di apertura, Davide Pinto spiega come il periodo di chiusura sia stato utilizzato per lo studio e le sperimentazioni: "Il delivery ci ha annoiato subito, sapevamo che non era la nostra soluzione" ha spiegato. Così, durante la pausa delle attività, insieme al suo team, (l'aromatiere e distillatore Alfedo La Cava e il bar manager Michele Marzella in primis ), si è dedicato alla ricerca di nuovi metodi di produzione, con cui sono arrivate anche nuove collaborazioni. Artigiani Gentili , questo il nome del progetto, ha una parte legata alle

#BikeTOnight: il calendario di luglio dei tour notturni in bicicletta

#BikeTOnight continua anche a luglio e propone diversi percorsi serali, "per scoprire su due ruote luoghi, storie, aneddoti e curiosità all'ombra della Mole". I tour saranno guidati, ogni partecipante sarà dotato di auricolari wireless, per pedalare in libertà e ascoltare la guida turistica.

Bike TONight

I temi conduttori sono diversi: Torino d'autore è un viaggio nella Torino raccontata e amata dagli scrittori che qui hanno vissuto, dalla Torino crepuscolare di Guido Gozzano a quella appassionata e impegnata di Piero Gobetti, da quella misteriosa di Giorgio De Chirico a quella di Cesare Pavese o Friedrich Nietzche, tra il centro storico, la zona della Cittadella e la Crocetta, per terminare al Circolo dei Lettori; Vanchiglia tra passato e presente porta nello storico quartiere, primo porto fluviale, di fama ambigua nell'Ottocento, proto-industriale e di architetture sperimentali grazie ad Alessandro Antonelli, fino a trasformarsi, in questi anni, in uno dei centri della creatività torinese; Torino sotto le bombe si muove nei luoghi della memoria legati al nazi-fascismo, ai bombardamenti e alla Resistenza, dal ghetto ebraico al rifugio antiaereo nel piano interrato dell'attuale Museo Diffuso della Resistenza di corso Valdocco; Luci e ombre della Torino Ottocentesca aiuta a scoprire le contraddizioni dell'epoca, dall'industrializzazione al suo lato oscuro, segnato da povertà e ingiustizia, dai palazzi del potere ai luoghi della povertà e di chi cercava di alleviarne il dolore, dal centro aulico a Giulia Faletti di Barolo e il Beato Cottolengo.

I tour costano 15 euro a persona, che comprendono gli auricolari e la guida abilitata; ridotto 13 euro per per studenti e per chi ha già partecipato a un giro bikeToNight; famiglie con figli (fino a 14 anni) 10 euro per gli adulti, 5 euro per i ragazzi; per il tour Torino d’autore riduzione a 13 euro per i possessori della tessera del Circolo dei Lettori.

Per le iscrizioni, bisogna inviare un'email con nome, cognome e numero di cellulare a info@mybicyclette.it. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti si troveranno sulla sezione bikeTOnight del sito www.mybicyclette.it; i tour partiranno alle ore 20.30 (ritrovo ore 20.15) e dureranno un'ora e mezza.

Il calendario di luglio è il seguente:

6 luglio 2016
Luci e ombre della Torino dell'800
Luogo di ritrovo: Piazza Castello (di fronte a Palazzo Madama)

7 luglio 2016
Torino sotto le bombe
Luogo di ritrovo: Piazza Castello (di fronte a Palazzo Madama)

13 luglio 2016
Torino d'autore
Luogo di ritrovo: Piazza Carlo Alberto

14 luglio 2016
Vanchiglia tra passato e presente

20 luglio 2016
Torino d'autore
Luogo di ritrovo: Piazza Vittorio Veneto (ultimo isolato prima di via Po)

21 luglio 2016
Luci e ombre della Torino dell'800
Luogo di ritrovo: Piazza Castello (di fronte a Palazzo Madama)


Commenti