Le nuove infrastrutture di Torino, con il PNRR: treni, metropolitana, tram

La Stampa ha pubblicato ieri un articolo molto interessante sulle infrastrutture che i finanziamenti del PNRR potrebbero portare a Torino. Dalla linea 2 della metropolitana al Servizio Ferroviario Metropolitano, ai trasporti pubblici di superficie, Torino potrebbe fare davvero un bel salto avanti, proponendo a cittadini e turisti una rete di collegamenti di livello finalmente europeo e contemporaneo. Il dossier presentato dalla Città al Governo prevede non solo la realizzazione della linea 2 della Metropolitana, da Rebaudengo a Orbassano, passando, attraverso il trincerone di via Gottardo, per Vanchiglia, centro storico e Politecnico, ma anche, scrive Maurizio Tropeano, "l'ammodernamento della rete su cui viaggiano i treni del servizio ferroviario metropolitano". In particolare, verranno realizzate le fermate San Paolo, Ferriera Buttigliera, S. Luigi Orbassano e Grugliasco Le Gru e verranno completate le stazioni Dora, sotterranea, e Zappata (per queste ultime due, Trope

Quando si rimontò la guglia alla Mole Antonelliana

Si dice Mole Antonelliana e si pensa sì al simbolo di Torino, a cui tutti noi torinesi siamo affezionati, al punto di non volere nel centro cittadino alcun edificio che possa mettere in ombra i suoi primati e la sua guglia protesa verso il cielo. Ma, probabilmente, chi è stato giovane negli anni 50, pensa anche automaticamente al 23 maggio 1953, quando un uragano si portò via la guglia e la Mole apparve a lungo come 'mozzata'.

Volete sapere come venne montata di nuovo la guglia che svetta su Torino? In questo video d'epoca, potete vedere gli operai al lavoro e sì, le misure di sicurezza dell'epoca erano decisamente diverse!


Commenti