I Voucher Vacanze del Piemonte, dormi 3 paghi una notte, fino alla primavera 2022

Dato il successo dell'iniziativa e tutte le volte che la Regione Piemonte l'ha prolungata, chissà che non sia un nuovo modello per il turismo, in attesa di un ritorno alla normalità, si spera per il 2022. Tornano i Voucher Vacanze della Regione Piemonte, grazie ai quali si dormono 3 notti e se ne paga solo una nelle strutture aderenti (alberghi, residence, B&B, agriturismi, affittacamere, ecc ecc) e si pagano i servizi turistici a metà prezzo. I voucher possono essere prenotati entro il 31 dicembre 2021 e utilizzati entro il 30 giugno 2022. Il loro funzionamento è semplice, ma cambia in base alle ATL sotto le quali si trova la località prescelta: se volete soggiornare nelle Langhe, dovete controllare quali sono i passi da seguire per prenotare i voucher nelle Langhe, idem se pensate alle dolci colline del Canavese, alle valli alpine del Cuneese, ai laghi del Piemonte settentrionale. Per identificare le ATL, c'è www.visitpiemonte.com , che ha l'elenco dei Consorzi

Così il completamento del Parco del Sangone cambierà Torino Sud

Quando il Parco del Sangone sarà terminato, Torino e la sua cintura meridionale avranno un'area verde che praticamente andrà dal Parco delle Vallere, al confine con Moncalieri, fino a Orbassano. E, considerando che è adiacente al Parco Colonnetti ed è quasi confinante con il Parco di Stupinigi, si può capire quanto il completamento del Parco intorno al Sangone possa dotare la periferia meridionale cittadina di un ampio polmone verde.


Parte del Parco è entrata nella vita dei cittadini della Circoscrizione 10 ormai da una decina d'anni, dopo un lungo lavoro di recupero. Non solo sono stati eliminati gli orti urbani, che rendevano ingestibile e disordinata l'area, ma sono state messe in sicurezza le sponde del fiume. Sponde che sono sempre stati indomabili per Torino: siamo pur sempre nei pressi della Reggia di Mirafiori, voluta da Carlo Emanuele I per la moglie Catalina e andata in rovina anche per l'impossibilità di controllare le piene del Sangone, che fecero preferire ai Savoia altre residenze. Sono stati realizzati percorsi attrezzati ciclo-pedonali, reimpiantati alberi, ricostruiti un centinaio di orti regolamentati; passeggiando lungo le rive del torrente ci si sente in mezzo alla natura, si ammirano gli scorci verso la collina e verso le Alpi, si gode di un momento di relax che unisce ambiente, sostenibilità, cultura e storia. Sono parte del Parco non solo i pochi resti della Reggia di Mirafiori, di cui abbiamo perso quasi tutte le tracce, ma anche il Mausoleo della Bela Rosin, restaurato nell'ambito della riqualificazione dell'area, e sede, di tanto in tanto, di mostre dedicate a questo territorio.

I lavori di riqualificazione del Parco riprendono adesso, dopo il via libera dato dalla Giunta Comunale torinese per la risistemazione delle aree comprese tra corso Unione Sovietica e il Mausoleo della Bela Rosin, nel tratto compreso tra le rive del Sangone e strada del Castello di Mirafiori. Anche qui verranno eliminati gli orti abusivi e verranno messe in sicurezza le sponde del fiume, in modo che possano corrervi i sentieri e le piste ciclabili; verranno aggiunti nuovi alberi e saranno costruite aree attrezzate per gli utenti e nuovi orti, autorizzati e regolamentati. Al termine dei lavori, l'area meridionale di Torino avrà un sistema di Parchi che, grazie al vicino Parco di Stupinigi, si stenderà quasi fino al Pinerolese (e questo dà un'idea delle potenzialità ambientali, turistiche e culturali che si apriranno).


Commenti