Il Giardino dell'Antico Egitto, che sarà una serra dal 2024, al Museo Egizio

Un nuovo spazio verde nel cuore di Torino da non perdere di vista, stavolta in uno dei suoi cortili più frequentati, quello del Museo Egizio. Il Cortile Aperto: Flora dell'antico Egitto è un giardino aperto gratuitamente nello spazio che porta verso la biglietteria, ed è il primo passo della trasformazione dell'intera corte, in vista delle celebrazioni per il bicentenario del Museo, nel 2024. Il cortile interno "del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili, che verrà coperta da una cupola in acciaio e vetro, al di sotto della quale ci sarà un giardino egizio permanente, di cui ora viene inaugurata una prima parte" anticipa il comunicato stampa. Tra le piante selezionate, "il loto azzurro, con i suoi fiori che si schiudono all'alba per poi richiudersi al tramonto, simbolo di rinascita e rigenerazione e non può mancare il papiro, che originariamente cresceva in fitte paludi lungo il Nilo o lungo il suo delta ed era la pianta araldica del Basso Egitto&qu

In primavera i tulipani di Pralormo fioriranno anche in piazza Emanuele Filiberto

Nella piazza più parigina di Torino, piazza Emanuele Filiberto, la primavera sarà colorata e ricca di tulipani, grazie a un'inedita collaborazione con il Castello di Pralormo e il suo Messer Tulipano.


In piazza Emanuele Filiberto c'è da qualche anno un orto urbano, gestito dalla Cascina Quadrilatero e curato con molta passione soprattutto dal signor Giuseppe. Ed è in questo spazio verde che due giardinieri del Castello di Pralormo hanno messo a dimora ben 3600 bulbi donati da Consolata di Pralormo, la signora di Messer Tulipano, e "scelti tra alcune delle varietà più colorate e robuste" spiega il comunicato stampa: "White Emperor, bianco dal cuore avorio; Viridiflora Spring green, che arricchisce il bianco con eleganti striature verdi; il rosso Parade ed il giallo intenso del Golden Parade, infine il rosa intenso del tulipano Circuit e le sfumature delicate del Pink Impression". Arriva l'inverno, ma non bisogna temere perché "i tulipani riposano ancora meglio sotto la neve".

Tra qualche mese ci sarà una ragione in più per passare in quest'angolo torinese che sembra Parigi e che sarà colorato dalla fioritura dei tulipani. Si può già immaginare!



Commenti