Tre visite guidate e gratuite agli atelier degli artisti "oltre la Dora"

Tre appuntamenti inediti, per scoprire gli studi degli artisti che lavorano "oltre la Dora", tra Barriera di Milano, Borgo Aurora e Borgo Rossini. È la terza edizione del progetto Studi d'Artista, voluta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) per indagare la presenza dell'arte contemporanea nelle diverse aree della città (la prima edizione, nel 2014, in Vanchiglia, la seconda, nel 2015, a San Salvario).

Studi d'artista Oltre la Dora Studi d'artista Oltre la Dora

Andare oltre è il titolo di questa nuova edizione, che va "oltre la Dora", il fiume che è stato "frontiera" della città a nord, prima come sorta di difesa naturale, quindi come confine tra la città storica e i suoi quartieri industriali e operai. L'indagine del MiBACT si è conclusa con la realizzazione di una guida, "in cui gli studi d'artista vengono raccontati dalle immagini del fotografo Nicolò Taglia, artista con atelier oltre la Dora, e dai testi di Carla Testore, storica dell'arte, giornalista ed esperta d'arte contemporanea" racconta il comunicato stampa.

È la prima volta che Studi d'Artista si rivolge a una zona periferica della città e il "viaggio" è risultato particolarmente interessante perché "tra gli isolati del quartiere di Barriera di Milano e delle zone limitrofe, vera e propria fucina della creatività torinese" si è scoperto che la periferia ha "importanti potenzialità di crescita socio-culturale quale centro propulsore di energie creative, restituendo elementi significativi per una lettura diversa che non si limiti a delinearne una connotazione inficiata da pregiudizi e luoghi comuni". È una scoperta che è bello sia segnalata in documenti ufficiali: tutte le periferie torinesi vivono di associazioni, studi, realtà che premiano la creatività, nonostante non abbiano sempre la forza di uscire dai loro confini. La guida Studi d'Artista. I luoghi di produzione dell'arte. Torino/La città oltre la Dora, edita da Sagep è in vendita nelle librerie specializzate (OOLP e Luxemburg) a 10 euro oppure nei principali bookshop museali e nei punti vendita di istituzioni culturali, oltreché sulle più importanti piattaforme digitali specializzate.

I tre appuntamenti preparati dal MiBACT, tra aprile e maggio, permetteranno ai torinesi e ai turisti di scoprire gli atelier degli artisti "oltre la Dora", attraverso vere e proprie visite guidate. Sarà "un inconsueto viaggio tra gli atelier cittadini, sino ad avvicinare il pubblico agli artisti e ai luoghi dove nasce l'elaborazione estetica, oltreché consentire un'esperienza culturale quale quella di vivere il back-stage di una creazione e osservare le opere finite e quelle in fieri, insieme a materiali, tecniche e mezzi adoperati dall'artista". Gli itinerari di visita sono gratuiti, ma con prenotazione obbligatoria all'email sr-pie.comunicazione@beniculturali.it (nell'Oggetto scrivete Art Fast Tour); l'orario delle visite è 17-19. Il calendario è il seguente:

10 aprile 2018
studi di Stefano Roggero, Davide Raccagni, Angelo Barile, Marcello Toma
(prenotazioni dal 28 marzo al 6 aprile 2018)
ritrovo ore 16.45 Docks Dora via Valprato, 68 - portineria

16 maggio 2018
studi di Pino Mantovani, Riccardo Cordero, Elena Muzzarelli
(prenotazioni dal 2 al 10 maggio 2018)
ritrovo ore 16.45 via Mantova, 19

13 giugno 2018
studi di Nicolò Taglia, Giorgio Ramella, C&C Maria Grazia Abbaldo e Paolo Albertelli
(prenotazioni dal 31 maggio al 7 giugno)
ritrovo ore 16.45 via Pisa, 53/e


Commenti