Photocall, la mostra più glamour al Museo Nazionale del Cinema

La mostra più glamour della stagione è al Museo Nazionale del Cinema, si intitola Photocall. Attrici e attori del cinema italiano e rende omaggio non solo ai divi del nostro cinema, ma anche ai loro fotografi, senza i quali, bisogna dirlo, non esisterebbero divismo né popolarità. Fotografie scattate sui set cinematografici, rubate dai paparazzi, fatte sui tappeti rossi dei Festival di tutto il mondo, a incarnare il sogno che il cinema è sempre stato, sin dalla sua nascita. E ci si sente un po' protagonisti all'inizio di questa mostra, quando, sotto la cupola della Mole Antonelliana, c'è un piccolo red carpet pensato per i visitatori, con la gigantografia di alcuni fotografi torinesi che accolgono i visitatori tra flash: ci si muove, ci si gira e ci si sente una star! Poi inizia il percorso espositivo, lungo la sala elicoidale che percorre la cupola. In quattro sezioni, Attrici e attori contemporanei , Dive Pop e Italian Men , Icone della rinascita e Ritratto d'

Palazzo Perrone apre le porte per Invito a Palazzo

Una data da segnare in agenda: il 5 ottobre 2019, apre Palazzo Perrone, storica sede della Cassa di Risparmio di Torino e oggi sede della Fondazione CRT. Nonostante la bella facciata che chiude l'asse di via Frola e piazzetta CLN su via XX settembre faccia pensare ad architetture ottocentesche ispirate a Palazzo Madama, l'edificio è stato costruito nel 1929 dalla Cassa di Risparmio di Torino, demolendo il precedente palazzo settecentesco, realizzato per Giochino Bonaventura Argentero e passato poi ai Perrone di San Martino, una delle più importanti famiglie aristocratiche canavesi. Nel XIX secolo, il Palazzo fu sede dell'Ambasciata di Francia presso il Regno di Sardegna, quindi, nel 1883, fu acquistato dalla Cassa di Risparmio di Torino, che ne fece la sua sede.

Palazzo Perrone Palazzo Perrone

Nel 1929, la totale ricostruzione, dovuta alla necessità di nuovi spazi della banca. Che però decise di salvaguardare marmi, affreschi e decorazioni preziose, riutilizzandoli nei nuovi ambienti. Palazzo Perrone presenta così un'idea aulica di grandi sale affrescate, in cui si mescolano Novecento e Ottocento: il progetto di ricostruzione fu infatti affidato a Giovanni Chevalley, che cercò di riprendere i volumi e lo stile dell'edificio demolito.

La visita permetterà di scoprire spazi solitamente chiusi al pubblico, le sale di rappresentanza, con il Salone d'Onore, gli affreschi salvati e riutilizzati, il monumentale scalone e la balconata che guarda agli sportelli.

L'apertura di Palazzo Perrone avverrà nell'ambito di Invito a Palazzo, giornata voluta dall'ABI per far conoscere le sedi delle banche, ed è gratuita. È necessaria la prenotazione, da effettuare entro le ore 12 del 4 ottobre 2019, all'email eventiculturali@unicredit.eu; sarà necessario indicare la fascia oraria di preferenza (10.00-12.00; 12.00-14.00; 14.00- 16.00; dopo le 16.00).


Commenti