A Porta Palazzo apre Combo, l'ostello innovativo che guarda alla città

A Porta Palazzo va a posto un altro tassello del mosaico. Nell'antica Caserma dei Vigili del fuoco, in corso Regina Margherita 128 (al lato dell'Antica Tettoia dell'Orologio), apre Combo, sede torinese di una catena di ostelli dagli obiettivi innovativi. Non solo posto in cui lasciare i bagagli e dormire, ma anche luogo di contatto con la città, attraverso ristorante (i piatti saranno realizzati con ingredienti acquistati nel vicino mercato di Porta Palazzo, per affermare il legame con il quartiere), eventi, feste, concerti.

Combo Torino Combo Torino

All'interno, Combo presenta spazi moderni, che non tradiscono il passato dell'edificio, il progetto è dell'architetto norvegese Ole Sondresen, l'interior design è curato dalla torinese Helga Faletti. Entrambi hanno giocato sul contrasto tra le antiche mura della Caserma e l'arredamento contemporaneo, molto colorato, soprattutto nelle grandi camerate dei piani superiori. Camerate per le quali ci sono state cura e studio delle diverse possibili esigenze, si va dalle stanze per 2 persone ai loft per i gruppi, passando anche per i tipici dormitori comuni degli ostelli. Ma qui ci sono un'eleganza e una cura, anche per la privacy dei singoli residenti.

Combo Torino Combo Torino

Il piano terra è riservato agli spazi comuni, con una grande sala in cui sono possibili diverse attività di socializzazione. Tra queste, l'Atlas Room, a disposizione per gli eventi e le proiezioni, e la Fire Hall, con mostre, workshop e possibili residenze di artisti. Non mancano la radio, che trasmetterà anche online, il ristorante e il bar, aperti alla città, in modo che il rapporto con Torino sia continuo e fluido. Anche qui l'interior design gioca in contrasto con le mura della Caserma e con la luminosità proveniente dall'esterno.

Combo Torino Combo Torino

Torino è la terza città in cui apre Combo, che però qui è nato, da un'idea di Michele Denegri, proprietario del ristorante del Cambio, proprio a Porta Palazzo, così vivace, aperta e pronta ad accogliere i nuovi arrivati. A Venezia e a Milano, Combo ha aperto nel 2019, in quartieri dal forte significato simbolico, non propriamente turistici, ma parte dell'identità cittadina, rispettivamente Cannaregio e i Navigli; Porta Palazzo è la risposta torinese. L'arrivo di Combo mette a posto l'ultima tessera della nuova Porta Palazzo. Una piazza che si è modificata, ha accolto nuovi modi di abitare e di vivere, senza dare molto nell'occhio. In uno dei due edifici juvarriani che conducono verso via Milano, da qualche anno c'è Vivo al Venti, risposta di social housing, gentile ed elegante, alla richiesta di case temporanee per situazioni d'emergenza o lunghi soggiorni: una riqualificazione dell'edificio con tanto di restauri ad affreschi e soffitti in legno. Il Mercato Centrale, nella struttura in vetro e acciaio di Massimiliano Fuksas, ha arricchito l'offerta presente nel mercato tradizionale, anche con ristoranti, fast food, spazi per incontri e laboratori. Adesso arriva Combo, con la sua proposta di ostello innovativo e all'avanguardia. Porta Palazzo, che cambia sempre, per non tradire la sua anima di luogo d'accoglienza, incontro, scambio.


Commenti